Uccisa in casa dal compagno a colpi di arma da fuoco in diretta davanti alla webcam del computer della figlioletta di 10 anni che stava facendo lezione online. La terribile vicenda arriva da Indiantown, nello stato della Florida, in Usa, dove la 32enne Maribel Rosado-Morales è stata assassinata con numerosi colpi di pistola dal compagno Donald Williams, 27 anni. Ad assistere all'intera drammatica sequenza non solo la piccola che era in casa ma anche i suoi compagni di scuola che erano collegati per la prima lezione dopo l'avvio dei corsi online, così come la maestra. Era stata quest'ultima a organizzare la lezione online per i piccoli alunni invitandoli a collegarsi la piattaforma Zoom martedì mattina.

Dopo alcuni minuti, intorno alle 8 del mattino, dai microfoni della webcam della piccola però si sono sentiti urla, insulti e minacce e infine gli spari fatali prima che lo schermo diventasse nero.  L'insegnante ha dichiarato di aver visto la bambina di 10 anni portarsi le mani alle orecchie poco prima che si spegnesse tutto. Secondo quanto ricostruito, infatti, lo stesso computer usato per la lezione è stato frantumato da un proiettile e anche la piccola ha rischiato di essere colpita. La maestra aveva capito che era in corso una lite furibonda e ha silenziato la webcam per evitare che gli altri piccoli ascoltassero ma non credeva che si potesse arrivare all'omicidio. Secondo quanto ricostruito dagli agenti della polizia locale che son accorsi sul posto e hanno arrestato l'uomo per omicidio, la lite sarebbe esplosa per futili motivi, dopo un commento pubblicato su Facebook dalla madre della bambina. Lui ha afferrato una pistola che risulta rubata in un furto e ha aperto il fuoco incurante della presenza della bimba e di altri minori in casa