3.520 CONDIVISIONI
23 Novembre 2022
19:39

Uccise il pedofilo che violentò i figli, ora i ragazzi la ringraziano: “Ci ha fatto vivere più sicuri”

Il caso di Sarah Sands che nel 2014 uccise il 77enne che abusava dei suoi tre figli a Londra. La donna fu condannata a 7 anni di carcere. Oggi i figli hanno deciso di uscire dall’anonimato e ringraziarla pubblicamente:
A cura di Biagio Chiariello
3.520 CONDIVISIONI

Sarah Sands ha pugnalato Michael Pleasted, un uomo di 77 anni, otto volte nel 2014 in un "attacco determinato e prolungato" che ha visto l'anziano morire dissanguato e che le è costato 7 anni e mezzo di galera. La sua vittima aveva abusato sessualmente dei suoi figli.

Pleasted era noto un pedofilo, già precedentemente condannato, che aveva cambiato il suo nome da Robin Moult per nascondere un lungo passato di reati contro i bambini. Quando i tre figli di Sarah le hanno detto che aveva abusato di loro, la donna ha preso in mano la situazione.

Sarah Sands è stata rilasciata dal carcere nel 2018, dopo aver scontato in carcere 4 anni della sua condanna. I suoi figli, che nel frattempo hanno vissuto con la nonna, sono voluti uscire dall'anonimato per parlarne pubblicamente e ringraziarla: "Ci ha permesso di vivere più sicuri", dicono in un'intervista alla BBC.

Affermano di essere riusciti a ricostruire il loro rapporto con lei da allora, dice Alfie che aveva 11 anni all'epoca degli abusi. "Non ha rallentato gli incubi. Ma ci ha dato un senso di sicurezza perché non dovevi camminare per strada pensando che sarebbe arrivato da dietro l'angolo" afferma.

L'appartamento dell'uomo si affacciava su un parco giochi e una scuola a Canning Town, nell'East London. "Viveva letteralmente dall'altra parte della strada rispetto a noi", aggiunge Bradley, un anno più grande del fratello. "Era un sollievo sapere che fosse morto", ammette. Anche se hanno ammesso che spesso "ci svegliavamo piangendo e dicendo ‘dov'è la mamma?'", ha aggiunto il figlio della donna.

Sarah all'epoca raccontò che avrebbe voluto solo spaventare il pedofilo, ma perse completamente il controllo quando se lo ritrovò davanti. "Non sapevo cosa stessi facendo lì" ha raccontato. "Mi sono resa conto di aver commesso un grosso errore. Lui non provava rimorso in nessuna forma. Ha detto ‘i tuoi figli mentono'. Il mondo intero si è bloccato. Avevo il coltello nella mano sinistra e ricordo che ha cercato di afferrarlo".

Poche ore dopo era in una stazione di polizia con il suo coltello e i vestiti macchiati di sangue per costituirsi. È stata inizialmente condannata a 3 anni e mezzo, poi la sua pena è stata rivista e aumentata di 4 anni.

3.520 CONDIVISIONI
Proteste in Iran, uccise 350 persone: ora si teme lo scoppio di una guerra civile
Proteste in Iran, uccise 350 persone: ora si teme lo scoppio di una guerra civile
Si innamora di un ragazzo conosciuto online e lo incontra, ma viene uccisa e fatta a pezzi
Si innamora di un ragazzo conosciuto online e lo incontra, ma viene uccisa e fatta a pezzi
A Ischia esplode la rabbia degli sfollati:
A Ischia esplode la rabbia degli sfollati: "Ora abbiamo paura a vivere qui"
50.510 di AntonioMusella
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni