841 CONDIVISIONI
5 Novembre 2021
17:37

Uccide i suoi 5 figli per vendicarsi dell’ex marito: 28enne condannata all’ergastolo

Christiane, la mamma tedesca che a settembre dell’anno scorso a Solingen uccise 5 dei suoi 6 bambini, è stata condannata all’ ergastolo. La furia omicida innescata da una foto dell’ex con la nuova compagna. “Uno scatto che ha profondamente sconvolto la giovane”, che ha sentito il suo “progetto di vita per sempre fallito” innescando “un misto di rabbia, disperazione, avvilimento e vendetta” ha spiegato il giudice.
A cura di Biagio Chiariello
841 CONDIVISIONI

Ergastolo. È la condanna inflitta a Christiane K., una donna tedesca di 28 anni che a Solingen, in Germania, ha ucciso 5 dei suoi sei bambini, tentando poi di togliersi la vita lungo una ferrovia. La sentenza è arrivata dopo la ricostruzione di quello che lo stesso giudice ha definito una “tragedia” che “ha dell’incredibile e che è davvero difficile da comprendere”.

Ed effettivamente fanno rabbrividire i dettagli della vicenda, che risale al settembre 2020, emersi dall’inchiesta. Secondo quanto accertato dagli inquirenti la donna stordì i cinque figli – tre femmine e due maschi di età compresa fra 1 e 8 anni – prima con un farmaco per poi lasciandoli annegare in una vasca da bagno. Quindi adagiò i corpicini senza vita nei lettini, dove vennero ritrovati dagli agenti di polizia, dopo l’allarme dato dall’unico figlio superstite, il maggiore, che la donna ha risparmiato.

A scatenare il gesto di Christiane K., casalinga descritta come “perfezionista“ nella gestione della casa e della famiglia, sarebbe stata la foto postata su una chat dell’ex marito che baciava la nuova fidanzata. “Uno scatto che ha profondamente sconvolto la giovane", che ha sentito il suo "progetto di vita per sempre fallito”, è stato sottolineato nell’aula del tribunale. Fino ad allora, Christiane era sempre riuscita a riconquistarlo, "facendolo ingelosire, con modi manipolativi”, ha spiegato il giudice. Ma davanti a quell’immagine ha compreso di “aver perso il controllo sull’uomo” e spinta da "un misto di rabbia, disperazione, avvilimento e vendetta”, ha pianificato la strage.

Subito dopo aver ucciso i piccoli, la 28enne era andata alla stazione con il figlio maggiore che ha fatto salire su un treno per mandarlo dalla nonna. Proprio a lei, sua madre, aveva scritto un sms prima del folle gesto: "Non ce la faccio proprio più". Appena partito il figlio grande si era poi lanciata sotto un treno, senza tuttavia riuscire a farla finita.

Nel corso del procedimento giudiziario l’imputata si è proclamata innocente, sostenendo che la strage fosse opera di un fantomatico sconosciuto entrato nella casa, costringendola poi a scrivere il messaggio che la tradiva alla madre. Ma i magistrati non le hanno creduto: "Sciocchezze, tutto inventato, la storia non regge" hanno sottolineato ritenendo valida la ricostruzione e le prove raccolte dall’accusa, infliggendole il massimo della pena.

841 CONDIVISIONI
Badanti uccisi a Siracusa, Riccioli condannato all’ergastolo: “Assassinati per vendetta”
Badanti uccisi a Siracusa, Riccioli condannato all’ergastolo: “Assassinati per vendetta”
Mamma uccide i figli di 9 mesi e 3 anni, poi si suicida: a scoprire i corpi è stato il papà dei bimbi
Mamma uccide i figli di 9 mesi e 3 anni, poi si suicida: a scoprire i corpi è stato il papà dei bimbi
Trieste, il no vax Ugo Rossi condannato a 5 mesi: l'avvocato senza green pass respinto dal tribunale
Trieste, il no vax Ugo Rossi condannato a 5 mesi: l'avvocato senza green pass respinto dal tribunale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni