Tragedia nel Regno Unito, dove una bimba di due anni, Sadie Salt, è morta soffocata mentre mangiava una salsiccia all'asilo nido Mini Learners a Radlett, città nella contea dell'Hertfordshire. Dopo che il pezzo di carne le è andato di traverso, un'ambulanza si è precipitata sul posto. Trasferita d'urgenza al St Mary's Hospital, ha trascorso due giorni ricoverata nel reparto di terapia intensiva prima che le sue condizioni peggiorassero ulteriormente. Era il 14 novembre scorso quando si è verificato il decesso. Ed ora la famiglia della piccola chiede giustizia, lanciando anche una petizione online affinché vengano eliminati alimenti potenzialmente pericolosi, come salsicce e uva, dalla "forma goffa e dalla pelle dura", dalle mense scolastiche, ed una raccolta fondi per Cosmic, che sostiene le unità di terapia intensiva pediatrica e neonatale in due ospedali di Londra.

Sadie lascia due fratelli più grandi oltre ai genitori Zoe ed Adam. "Siamo devastati per aver perso la nostra bellissima Sadie sabato 14 novembre – hanno detto alla stampa locale -. Il team di medici e infermieri che abbiamo incontrato in terapia intensiva è stato più che fantastico, sia per quanto riguarda le cure a nostra figlia che il supporto per noi. Niente era troppo per farci sentire tutti amati, curati e supportati. In questo momento stiamo soffrendo terribilmente ma siamo felici di essere stati travolti da questa ondata d'amore". La mamma e il papà della piccola hanno anche fatto sapere che Sadie ha salvato altre vite dopo aver donato i suoi organi. Un portavoce dell'asilo nido Mini Learners ha commentato quanto accaduto al giornale locale Borehamwood Times: "Siamo assolutamente devastati da questa notizia e le nostre sincere e sentite condoglianze vanno alla famiglia. La sicurezza e il benessere dei bambini affidati alle nostre cure è, ed è sempre stata, la nostra massima priorità e in questo momento stiamo lavorando a stretto contatto con le autorità competenti anche per fornire supporto ai bambini, alle famiglie e al personale del nostro asilo nido in questo momento incredibilmente difficile".