Ha violentato una 14enne che aveva conosciuto online e per questo motivo è stato condannato a sette anni di carcere. Il richiedente asilo Karam Majdi aveva incontrato la ragazza e una sua amica alla stazione ferroviaria di Croydon, Greater London, l'anno scorso per poi stuprarla in un ostello. Il ragazzo, 19enne, ha affermato di essere fuggito combattendo ad Aleppo e di essere arrivato nel Regno Unito nel 2016 da minore non accompagnato.

La sua vittima, di cui chiaramente non è stato diffuso il nome, è ancora sotto choc: "L'anno scorso non è stato un buon anno per me. Ho perso mio padre, ero devastata. Ho sofferto per un altro brutto incidente. Poi sono stata aggredita e violentata. Nessuna donna o persona dovrebbe mai dover passare ciò che mi è capitato. Ho tre sorelle e prego che non debbano mai subire una cosa del genere” ha aggiunto, ammettendo come il processo l’abbia lascia mentalmente esausta. "Lo odio, è una persona orribile e disgustosa. Quando penso a quello che mi ha fatto, mi fa star male. Urlo nel sonno gridando e dando pugni” ha detto la giovane a proposito di Majdi. La ragazza ha raccontato di aver incontrato almeno due volte di persona il richiedente asilo, prima che si arrivasse allo stupro. Nel novembre dell'anno scorso, l’allora 14enne era andata a trovare un’amica in ostello. Majdi si stava “drogando insieme ad altre tre persone che guardavano un film”, ha detto alla polizia. ù

"L'imputato ha iniziato a toccarla", ha detto il procuratore Henrietta Paget. "Lei ha detto che non voleva farlo. Ma lui le ha detto di stare zitta e l’ha costretta a stare sopra di lei. Era vulnerabile a causa della sua età e perché soffriva già di gravi danni psicologici e questo ulteriore incidente ne ha causato altri gravi e prolungati” ha detto Paget. "È stata molto coraggiosa e ha dimostrato un immenso coraggio per superare questa situazione e dovrebbe sentirsi molto orgogliosa di ciò che ha fatto. Le ragazze ora sono molto più sicure perché Majid non è più in strade" ha aggiunto.