I casi di Covid nel Regno Unito continuano ad aumentare, così come i decessi causati dal virus che hanno portato a registrare un nuovo triste record nella giornata di mercoledì: sono infatti 1.820 le vittime nel Regno Unito causate dal Coronavirus nelle ultime 24 ore. Numeri che preoccupano fortemente il governo britannico che ha annunciato l'ipotesi di una riapertura delle scuole non prima di Pasqua.

Si tornerà a scuola solo quando i numeri lo permetteranno

Il Segretario di Stato per l'istruzione del Regno Unito dal 2019 Gavin Williamson ha infatti spiegato che le scuole potrebbero riaprire dopo le festività pasquali: l'obiettivo iniziale era un ritorno in classe per gli studenti britannici dopo la metà di febbraio ma con la situazione attuale le date potrebbero prolungarsi. "Si tornerà a scuola solo quando i numeri lo permetteranno – ha spiegato Williamson – non ripeteremo l'errore fatto a Natale, di lasciare che gli studenti tornino in classe per pochi giorni prima di essere costretti a stare nuovamente a casa". Williamson ha aggiunto che la notizia della riapertura delle scuole sarà comunicata con almeno due settimane di preavviso: qualora la data del 22 febbraio inizialmente ipotizzata dovesse essere confermata le famiglie saranno avvisate entro l'8 febbraio. In caso contrario la proposta resta quella di una riapertura dopo Pasqua.

Boris Johnson non esclude il lockdown fino all’estate

Il governo britannico intanto ha fatto sapere poter escludere nulla sulla durata dell'attuale lockdown, di fronte all'impennata di contagi generata dalla cosiddetta variante inglese del Covid. Il Paese è alle prese con una variante più aggressiva del virus che il confinamento nazionale sta solo lentamente frenando e che fa sentire ora i suoi effetti sui decessi a un paio di settimane dai picchi sui contagi. Sono invece quasi 39mila i nuovi casi certificati su quasi 580mila test.