Dramma famigliare in Messico dove un uomo ha ucciso brutalmente i tre figli di 3, 7 e 8 anni per vendicarsi della moglie e madre dei piccoli dopo una lite. La tragedia si è consumato nella cittadina di Mineral de la Reforma, nello Stato centro-settentrionale di Hidalgo, il 2 gennaio scorso ma solo nelle scorse ore l’uomo è stato individuato e arrestato dalla polizia. Dopo l’efferato delitto dei piccoli, infatti, il 26enne Luis Alfredo è scappato via rifugiandosi nello Stato centro-settentrionale di Hidalgo dove però infine è stato individuato e fermato. L’uomo non ha opposto resistenza, ha confessato l’assassinio dei figli ed è stato poi riportato nello Stato di Hidalgo dove dovrà affrontare il processo.

A lanciare l’allarme era stato il nonno dei piccoli e genitore dell’uomo. L’omicida infatti dopo il triplice delitto ha chiamato suo padre raccontandogli l'accaduto prima di fuggire. All’arrivo dei soccorsi per i piccoli ormai non c’era più nulla da fare. Secondo i primi rilievi i piccoli sarebbero stati uccisi a botte e morti in maniera atroce per le ferite riportate dopo le percosse. Prima del delitto l'uomo publicava sui social le foto dei figli dichiarando pubblicamente il suo amore per loro ma secondo gli inquirenti l’uomo avrebbe agito contro i tre figlioletti per vendicarsi nei confronti della loro madre. "A quanto pare, voleva vendicarsi contro la moglie e ha ucciso i suoi figli", ha spiegato il procuratore che sostiene l’accusa secondo cui l'uomo avrebbe avuto una furibonda lite con la madre dei bambini e li avrebbe uccisi "per causarle un grande dolore".  Era scattata una caccia all’uomo i tutto il Paese conclusa poi con la cattura del 26enne a Hermosillo.