2.103 CONDIVISIONI
19 Giugno 2022
13:08

Medvedev dice che l’Ue potrebbe scomparire prima che l’Ucraina entri a farne parte

“Gli ucraini saranno sotto verifica per decenni. E se l’Ue a quel punto fosse scomparsa?” lo ha detto, parlando dell’adesione dell’Ucraina in Ue, l’ex presidente russo e attualmente vice presidente del Consiglio di sicurezza, Dmitry Medvedev.
A cura di Annalisa Girardi
2.103 CONDIVISIONI

L'Ucraina non sarà ammessa nell'Unione europea "prima della metà del secolo", ma "se l'Ue scomparisse, prima di quel momento?". L'ex presidente russo e attualmente vice presidente del Consiglio di sicurezza, Dmitry Medvedev, torna a minacciare l'Occidente su Telegram. A pochi giorni dal parere favorevole della Commissione europea sulla concessione dello status di candidato Ue all'Ucraina, Medvedev sottolinea come ci vorrà ancora moltissimo tempo prima che il processo arrivi al punto d'arrivo. E afferma: "E se l'Ue a quel punto fosse scomparsa? Fa paura pensare che scandalo sarà, perché quanti sacrifici sono stati fatti sull'altare dell'adesione all'Ue e quale inganno delle aspettative degli sfortunati ucraini?". E ancora: "Gli ucraini saranno sotto verifica per decenni. Pertanto, la vera scadenza è la metà del secolo. Non prima", ribadisce.

Pochi giorni fa, inoltre, l'ex presidente russo aveva insultato i leader europei, i capi di Stato e di governo di Francia, Italia e Germania, in visita a Kiev: "Gli appassionati europei di rane, wurstel e spaghetti amano visitare Kiev. Senza alcun senso. Hanno promesso l'adesione all'Ue e vecchi obici all'Ucraina, si sono ubriacati di gorilka e sono tornati a casa in treno, come 100 anni fa. Va tutto bene. Ma non porterà l'Ucraina più vicino alla pace. Il tempo stringe", aveva scritto su Twitter.

Intanto continuano le ostilità. Il segretario generale della Nato ha avvertito che la guerra potrebbe durare anche per anni. "Dobbiamo essere preparati affinché ciò duri per anni. Non dobbiamo esitare a sostenere l'Ucraina, anche se i costi sono elevati, non solo in termini di supporto militare, ma anche a causa dell'aumento del prezzo di energia e alimenti", ha dichiarato Jens Stoltenberg. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, da parte sua, ha messo in chiaro: "Non cederemo il Sud a nessuno, riconquisteremo tutto ciò che ci appartiene e il mare sarà ucraino e sicuro".

2.103 CONDIVISIONI
Perché Putin potrebbe dichiarare vittoria in Ucraina prima del 7 ottobre
Perché Putin potrebbe dichiarare vittoria in Ucraina prima del 7 ottobre
Gli obiettivi della Russia in Ucraina vanno oltre il Donbass, dice il ministro degli Esteri Lavrov
Gli obiettivi della Russia in Ucraina vanno oltre il Donbass, dice il ministro degli Esteri Lavrov
Cosa dice il rapporto di Amnesty sulla guerra in Ucraina che ha provocato l'ira del presidente Zelensky
Cosa dice il rapporto di Amnesty sulla guerra in Ucraina che ha provocato l'ira del presidente Zelensky
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni