3.429 CONDIVISIONI
6 Luglio 2021
18:19

L’Islanda ha ridotto l’orario di lavoro e la produttività è aumentata

Al termine di un test durato quattro anni tra 2.500 lavoratori della capitale Reykjavík, che hanno lavorato – senza tagli allo stipendio – non oltre 35/36 ore a settimana al posto delle normali 40, è stato osservato un sensibile aumento della produttività legato un aumento del benessere dei lavoratori.
A cura di Davide Falcioni
3.429 CONDIVISIONI

Come aumentare la produttività dei lavoratori accrescendo nel contempo il loro benessere? La soluzione arriva dall'Islanda ed è, probabilmente, quella più controintuitiva: ridurre l'orario di lavoro. Proprio così: al termine di un test durato quattro anni che ha coinvolto 2.500 dipendenti della capitale Reykjavík, che hanno lavorato non oltre 35/36 ore a settimana senza tagli allo stipendio, è stato osservato un sensibile aumento della produttività legato un aumento del benessere dei lavoratori. Lo studio è stato condotto dalla società di ricerca Autonomy, che ha analizzato i risultati insieme alla Association for Sustainability and Democracy. "Il risultato è stato straordinario", hanno concluso gli analisti.

La ricerca è stata condotta in diversi luoghi di lavoro come ospedali, uffici, scuole e servizi sociali. Ai dipendenti è stato chiesto di lavorare non oltre 35/36 ore alla settimana, al posto delle normali 40, ottimizzando tutti i tempi, riducendo le pause e migliorando la comunicazione tra i reparti. Ebbene, è stato osservato che così facendo la produttività è rimasta costante o è addirittura aumentata. Dal canto loro i lavoratori hanno dichiarato di accusare meno stress e di avere avuto più tempo da dedicare alla famiglia e agli hobby, riscontrando miglioramenti sia nella loro salute, sia nel bilanciamento tra vita privata e professionale. I risultati dello studio hanno consentito ai sindacati islandesi di negoziare nuovi contratti. Ecco il risultato integrale della ricerca:

Quali aziende stanno sperimentando la settimana di quattro giorni

Come ricorda Forbes anche alcune importanti aziende hanno avviato la sperimentazione della settimana lavorativa di quattro giorni: tra queste ci sono la Unilever, il gigante di marchi come Lipton e Dove, che ha avviato un programma che consente ai dipendenti neozelandesi di lavorare quattro giorni alla settimana e di scegliere come distribuire quelli di riposo.  Microsoft – invece – ha da un paio d'anni chiuso i suoi uffici giapponesi per tutti i venerdì. La produttività, ha fatto sapere l’azienda, è aumentata del 40% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Anche Toyota, in Svezia, ha ridotto a 6 ore i turni di lavoro mentre in Italia il network di affiliazione internazionale Awin dopo aver sperimentato con successo per sei mesi una settimana lavorativa di quattro giorni e mezzo, da gennaio è passato al regime dei quattro giorni per tutti i dipendenti, compresi quelli dell’ufficio di Milano.

3.429 CONDIVISIONI
"Quest'anno è aumentato tutto, offerte più generose" la richiesta del parroco di Carinaro
Vive e lavora in camper per risparmiare sulle bollette:
Vive e lavora in camper per risparmiare sulle bollette: "Ora per il gas spendo 10 euro al mese"
Chi era Giuliano de Seta, il 18enne morto durante lo stage dell'alternanza scuola lavoro
Chi era Giuliano de Seta, il 18enne morto durante lo stage dell'alternanza scuola lavoro
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni