Un'automobile lanciata contromano a marcia indietro e ad alta velocità contro altre vetture davanti all’ospedale provoca una forte esplosione e decine di vittime e feriti. È quanto accaduto nella notte in Egitto, in particolare la strage si è verificata davanti all'Istituto nazionale per il Cancro del Cairo, il più importante ospedale oncologico della capitale. I morti, stando all’ultimo bilancio, sono almeno diciannove e una trentina le persone rimaste ferite. Sarebbero rimasti coinvolti nell’esplosione semplici passanti e automobilisti ma non i pazienti ricoverati nell’ospedale, tutti illesi. L'incidente è avvenuto vicino agli uffici amministrativi dell'istituto, in un luogo distante dalle camere dei pazienti. Dopo l’accaduto l’ospedale è stato evacuato. Il ministero della Salute, riferisce l’agenzia Mena, ha ordinato lo stato di allerta “per gestire la situazione e assicurare la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte”.

L’auto si è schiantata su altre vetture davanti all’ospedale al Cairo

L'automobile che ha causato l'esplosione, secondo quanto ha riferito il portavoce del ministero della Salute Khaled Megahed, viaggiava contromano ad alta velocità sulla Corniche al Maadi e ha travolto diverse vetture innescando l'esplosione che ha a sua volta scatenato un incendio che ha interessato gran parte dell'ospedale del Cairo. Sul posto sono state inviate 42 ambulanze per trasportare i feriti all'ospedale Nasser. Il ministro della Salute ha visitato i feriti per accertarsi delle loro condizioni e ha ordinato che sia prestata loro ogni cura di cui abbiano bisogno. Ha aggiunto anche che una unità di crisi è stata istituita “per gestire ogni possibile sviluppo della tragedia”. Il pm egiziano Nabil Ahmed Sadeq ha ordinato un'inchiesta e inviato una squadra investigativa.

Esplosione Cairo: si valuta ipotesi terrorismo

L'esplosione potrebbe essere stata un atto di terrorismo in quanto provocata da esplosivo piazzato all'interno dell'auto lanciata contro altri veicoli. Questa l'ipotesi che circola in queste ore anche se non c'è nessuna conferma ufficiale. Secondo alcuni testimoni, il conducente dell'auto stava fuggendo a un controllo della polizia quando è avvenuto l'impatto.