Marco Sablone (Facebook).
in foto: Marco Sablone (Facebook).

Quella che doveva essere una vacanza all'insegna del divertimento si è trasformata in tragedia per un ragazzo abruzzese di soli 32 anni. Marco Sablone è morto durante un'immersione a Erikoùsa, Kerkira, a otto miglia a nord ovest da Corfù, dove era in vacanza insieme agli amici. È successo ieri sera, martedì 27 agosto. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, il ragazzo, residente a Castel Sant'Angelo, era andato a fare snorkeling ma poco dopo il suo corpo esanime è riaffiorato dall'acqua. Per lui non c'è stato nulla da fare. Secondo le frammentarie informazioni al momento disponibili, la sua maschera era rotta, disintegrata. Sono in corso di accertamento le cause del decesso, ma si sarebbe trattato di un'embolia. Il ragazzo, secondo quanto appreso, avrebbe indossato anche una fotocamera che però non sarebbe stata trovata. Sotto choc i suoi compagni di viaggio, ancora increduli di quanto successo.

Marco aveva condiviso sul suo profilo Facebook solo 2 giorni prima della tragedia, il 26 agosto, la foto di un tramonto in Grecia. Tanti i commenti lasciati dai suoi amici e conoscenti. "Pace all'anima tua grande Marco, ti ricordo con affetto", si legge. O, ancora: "Ciao Marco, finalmente so il tuo nome. Non ci conosciamo e forse non ci saremo mai conosciuti. Purtroppo ieri sono stato il primo a tirarti sul gommone, dopo averti tolto la maschera disintegrata, speravo in una tua ripresa, ma più passava il tempo e più  le mie speranze svanivano. Il tuo viso non riesco a togliermelo dalla mente. Mi spiace tanto averti conosciuto in questo tragico momento. Riposa in pace ragazzo", ha scritto uno dei presenti alla tragedia.