L'uragano Dorian non ha portato solo forte vento e pioggia sulle coste della Florida, ma ha anche qualcosa di inaspettato: cocaina. Le onde della tempesta che da fine agosto ha flagellato la parte della costa orientale degli Stati Uniti d'America hanno fatto arrivare diversi panetti di droga su almeno due spiagge della Florida, come riporta CBS News. I funzionari di polizia di Melbourne, nello Stato USA, sono stati allertati da un bagnante vicino al Paradise Beach Park che ha visto uno dei mattoncini sospetti sul bagnasciuga. Un agente ha detto che il panetto è stato "avvolto in uno modo coerente a quello della droghe illegali", riferisce l'affiliata della CBS, KYTX-TV. Gli esami hanno confermato che l’involucro conteneva cocaina. Sulla parte esterna del mattoncino c'era una parola che iniziava con “D-I-A-M-A-N-T". Un altro ritrovamento è stato fatto, riporta il quotidiano Usa Today, sulla spiaggia di Cocoa Beach. Qui è stato scoperto un borsone con 15 mattoncini di cocaina. Secondo la polizia Usa un panetto di cocaina come quelli può fruttare circa 30mila dollari nel mercato illegale.

Dorian: salgono a 30 i morti alle Bahamas

Dorian stava lentamente risalendo la costa sud-orientale, colpendo gran parte della Florida con forti venti e forti piogge. Dorian è stato declassato ad uragano di categoria 2, quindi molto più debole rispetto a qualche giorno fa. Tuttavia, la tempesta si è allargata, il che significa che potrebbe raggiungere un'area molto più ampia lungo la costa. “Una tragedia storica” con “devastazioni senza precedenti”. Così il premier delle Bahamas Hubert Minnis ha descritto l’uragano Dorian  si è abbattuto con tutta la sua forza sull’arcipelago, dove si contano almeno 30 morti. Secondo le stime dell'Onu, 70mila abitanti dell'arcipelago hanno bisogno di aiuti urgenti.