1.324 CONDIVISIONI
19 Febbraio 2018
13:32

Costringe una 15enne a leccare un assorbente usato e a mangiare cibo per cani: condannato

Matthew Falder, 29enne laureato a Cambridge, avrebbe ricattato diversi minorenni, costringendoli a farsi inviare foto “umilianti e degradanti”. La Corte di Birmingham lo ha condannato a 29 anni, ma non è detto le accuse che stanno ancora emergendo lo porteranno all’ergastolo.
A cura di B. C.
1.324 CONDIVISIONI

Dovrà trascorrere i prossimi 32 anni in carcere. Questa la condanna stabilita dalla Corte di Birmingham nei confronti di Matthew Falder, 29enne laureato a Cambridge, accusato di aver ricattato online diversi minorenni con l’obiettivo di farsi inviare “immagini umilianti e autolesioniste, sempre più gravi e indecenti”. L’uomo era stato arrestato nel giugno dell'anno scorso dopo che alcune delle sue vittime avevano tentato il suicidio. In una precedenza udienza in tribunale era stata stabilito che l’obiettivo di Falder era sempre quello di “umiliare e degradare" le sue vittime. Il procuratore Ogheneruona Iguyovwe ha descritto di come Falder avrebbe costretto una 15 enne a mangiare cibo per cani, leccare una scopa e un tampone usato prima di chiederle una foto con una scritta oscena sulla sua coscia.

Secondo la corte Falder era "totalmente imperturbato e impassibile" mentre la vittima – che avrebbe poi tentato il suicidio – lo pregava di fermarsi. L’uomo avrebbe poi diffuso molte delle immagini sui cosiddetti siti "hurtcore" che mostrano materiale che descrive abusi sessuali e fisici. Falder, che ha trattato le sue vittime “sia come oggetti sessuali sia come oggetti di derisione”, ha pubblicato le foto su un forum "100 cose che vogliamo vedere almeno una volta". Nei post parla di "una ragazza che viene usata come bersaglio", parla di un video in cui le ossa di un bambino vengono "lentamente e deliberatamente rotte" e gli abusi a cui è sottoposto “un bambino paralizzato".  Durante il processo, è emerso che l’uomo ha ingannato le sue vittime presentandosi come “un'artista femminile” o in “una babysitter”. C’è da dire che il processo nei confronti del 29enne di Harborne Park Road, Birmingham, continua: l’uomo potrebbe essere condannato all'ergastolo per i reati commessi nell'arco di un periodo di otto anni.

1.324 CONDIVISIONI
Contro Omicron nuove restrizioni anche in Svezia: tornano smart working, distanziamento e mascherine
Contro Omicron nuove restrizioni anche in Svezia: tornano smart working, distanziamento e mascherine
Omicron, reinfezioni record in Spagna: in 15 giorni più di quelle registrate da inizio pandemia
Omicron, reinfezioni record in Spagna: in 15 giorni più di quelle registrate da inizio pandemia
Finisce il lockdown in Olanda, riaprono i negozi ma i contagi restano alti. E monta la protesta
Finisce il lockdown in Olanda, riaprono i negozi ma i contagi restano alti. E monta la protesta
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni