Aggiornamenti sul referendum in Catalogna
26 Ottobre 2017
09:22

Catalogna a un passo dalla proclamazione di indipendenza, a Madrid si decide sull’art. 155

Il presidente catalano Carles Puigdemont si presenta oggi al Parlamento locale per annunciare la decisione finale dopo una nottata di consultazioni che hanno spaccato la sua stessa maggioranza. Intanto a Madrid il Senato si riunisce per esaminare la richiesta di ricorso all’articolo 155 presentata dal governo di Madrid.
A cura di Antonio Palma
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Aggiornamenti sul referendum in Catalogna

Quelle di oggi sono ore cruciali per il futuro della Spagna e della Catalogna. Gli occhi sono tutti puntati sul presidente catalano Carles Puigdemont che, dopo l'ultimatum di Madrid e l'annuncio della richiesta di commissariamento e applicazione dell'articolo 155 da parte del Premier Rajoy, è ad un passo dalla proclamazione di indipendenza. Il leader catalano è atteso per le 16 al Parlament di Barcellona dove dovrà annunciare definitivamente la strada che la regione imboccherà, assumendosi tutte le conseguenze del caso. "Non perdiamo tempo con chi ha già deciso di distruggere il nostro autogoverno, andiamo avanti!", ha scritto Puigdemont su Twitter nella serata di mercoledì, facendo presagire il passaggio cruciale che dovrebbe portare alla fondazione della nuova Repubblica catalana.

Il governo da lui presieduto, però, si presenta all'appuntamento spaccato. Durante la riunione fiume proseguita tutta la notte per trovare la formula adatta, infatti, pare che le varie anime indipendentiste non abbiano trovato l'intesa. Come riferisce la stampa spagnola, nel palazzo della Generalitat per ore si sono susseguiti incontri e riunioni tra Puigdemont, i ministri, i vari leader dei partiti che formano la sua maggioranza e le diverse entità che hanno appoggiato il referendum del 1 ottobre, ognuno con proprie richieste diverse dagli altri.

Appuntamenti e riunioni che proseguiranno anche in mattinata mentre a Madrid il Senato spagnolo comincerà a esaminare i documenti della richiesta di ricorso all'articolo 155 della Costituzione presentati dl governo centrale. Puigdemont ha deciso ieri di non andare a riferire dinanzi al Senato spagnolo scegliendo di restare a Barcellona per i colloqui con gli alleati interni. Il leader catalano infatti deve mediare tra le richieste di proclamazione unilaterale dell'indipendenza e della Repubblica, avanzate dalla componente della sinistra indipendentista della Cup e di Esquerra Repubblicana, e quelle dei più moderati che chiedono che la decisione sia accompagnata da elezioni.

"Liberate Puigdemont": Barcellona in rivolta, scontri in piazza con la polizia
Ue sul mandato d'arresto a Puigdemont: è affare dei giudici
Ue sul mandato d'arresto a Puigdemont: è affare dei giudici
89 di askanews
Catalogna, Puigdemont si consegna alla polizia belga: attesa per la decisione del giudice
Catalogna, Puigdemont si consegna alla polizia belga: attesa per la decisione del giudice
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni