I tre bambini morti tra le fiamme
in foto: I tre bambini morti tra le fiamme

Nello Stato americano dell’Illinois sta facendo molto discutere la decisione di un procuratore che ha incriminato un bambino di soli 9 anni per ben 5 omicidi. Nello specifico, è accusato di aver dato fuoco intenzionalmente – lo scorso 6 aprile – ad una casa mobile, pur sapendo che al suo interno c'erano alcune persone. Nell’incendio sono morti due adulti di 69 e 34 anni, e tre bambini – il più piccolo aveva solo un anno. Altre due persone sono riuscite a mettersi in salvo

. Il bambino è stato accusato di omicidio di primo grado e di incendio doloso aggravato, come riferito dall’emittente ABC e riportato anche dal Daily Star Online. Per ovvie ragioni di riservatezza, l’identità del piccolo imputato non è stata resa nota e non è chiaro se sia imparentato con le vittime. “Per me è stata una decisione difficile", ha detto il procuratore della contea di Woodford, Greg Minger, secondo il giornale locale Journal star, che per primo ha diffuso la notizia. “È una tragedia – ha detto il magistrato – ma alla fine si sta accusando un giovanissimo di uno dei crimini più gravi che possono essere compiuti”.

Nello Stato dell’Illinois ci sono – come in quasi tutti gli USA –  tribunali minorili fin dal 1890, ma la giovane età dell'imputato pone comunque dubbi sulla sua imputabilità. Poiché ha meno di 10 anni, comunque non può essere arrestato e dunque non sconterà una pena in carcere. Il processo sarà a porte chiuse ma il bimbo dovrà comunque presentarsi in aula accompagnato del suo avvocato. Nel caso in cui fosse condannato, è molto probabile che venga affidato alle cure di medici per seguire una terapia e uno specifico percorso di recupero.