Barcellona, furgone travolge la folla nella Rambla
17 Novembre 2017
19:15

Barcellona, la mente degli attentati fu un informatore dei servizi segreti spagnoli

L’imam di Ripoll, Abdelbaki Es-Satty, ritenuto la mente degli attentati di Barcellona e Cambrils della scorsa estate, era stato un informatore del Cni, i servizi segreti spagnoli. Lo ha riportato el Pais e i servizi segreti hanno confermato.
A cura di Susanna Picone
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Barcellona, furgone travolge la folla nella Rambla

I servizi segreti spagnoli del Cni hanno avuto come informatore l'imam di Ripoll, Abdelbaki Es Satty, il capo del gruppo jihadista ritenuto responsabile delle stragi di Cambrils e Barcellona il 17 agosto scorso. A rivelarlo oggi è stato il quotidiano El Pais e la notizia è stata confermata a Efe da fonti del Cni, che però non hanno precisato fino a quando si è prolungata la collaborazione. Da quanto emerso, i servizi segreti spagnoli avevano avvicinato Es Satty mentre l’uomo si trovava in carcere nel 2014 per traffico di droga. L'imam è morto il 16 agosto, alla vigilia dell'attacco, nell'esplosione dell'abitazione di Alcanar usata dalla cellula terroristica per preparare gli attentati. Insieme a lui morì nell’esplosione anche un’altra persona. L’ex presidente catalano Carles Puigdemont ha definito su Twitter “estremamente grave” la notizia emersa oggi. “Conferma i nostri sospetti – ha scritto – è un fatto estremamente grave, che sicuramente non comporterà nello stato spagnolo dimissioni, o denunce o detenzioni”.

L’attentato sulla Rambla a Barcellona e a Cambrils

Nel pomeriggio del 17 agosto scorso un furgone bianco a noleggio si è lanciato sulla folla delle Ramblas, nel cuore di Barcellona, travolgendo decine di cittadini e turisti. Poi nella notte un nuovo attacco fu compiuto a Cambrils, città catalana a circa due ore d'auto da Barcellona. Drammatico il bilancio: in totale vennero uccise quindici persone e oltre cento rimasero ferite. L'Isis ha successivamente rivendicato l'attacco. Il piano della cellula jihadista sarebbe stato però diverso. I terroristi avrebbero voluto colpire la Sagrada Familia, simbolo della città catalana, ma l'esplosione nella notte precedente all’attacco sulla Rambla impedì la realizzazione del piano iniziale e convinse i terroristi ad agire diversamente.

Marta, un anno dopo Barcellona. Solidarietà per dare un senso alla tragedia
Marta, un anno dopo Barcellona. Solidarietà per dare un senso alla tragedia
Barcellona, nuove immagini dell'attentato: il furgone manca per un pelo alcuni passanti
Barcellona, nuove immagini dell'attentato: il furgone manca per un pelo alcuni passanti
22.346 di WorldNews
Strage di Barcellona, funerali di Bruno Gulotta a Legnano: "Condanna senza se e senza ma"
Strage di Barcellona, funerali di Bruno Gulotta a Legnano: "Condanna senza se e senza ma"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni