Lo spettacolo dal vivo è un luogo sicuro. Sono i risultati di uno studio promosso dall'Agis, che su circa 350mila spettatori dalla riapertura ad oggi conta soltanto un caso di contagio da Coronavirus nei luoghi deputati a teatro, lirica, danza e concerti. Per la precisione, secondo quanto comunicato dall'Associazione Generale Italiana dello Spettacolo, gli spettatori che hanno partecipato ai 2.782 spettacoli verificati tra lirica, prosa, danza e concerti, con una media di 130 presenze per ciascun evento, nel periodo che va dal 15 giugno (giorno della riapertura dopo il lockdown) ad inizio ottobre, sono 347.262. Tra questi, sulla base delle segnalazioni pervenute dalle ASL, si registra un solo caso di contagio da Coronavirus. Percentuale pari allo zero che fa dichiarare all'Agis i teatri "luoghi sicuri" e liberi da Covid-19. Si tratta infatti di una quota "assolutamente irrilevante, che testimonia quanto i luoghi che continuano ad ospitare lo spettacolo siano assolutamente sicuri."

"Uno studio che, grazie all’app Immuni, ha individuato un solo ‘caso positivo', e che in seguito ad accertamenti sanitari ha certificato la negatività di tutti gli spettatori entrati in contatto con lo stesso" continua il comunicato dell'Agis. "L’assenza di casi dal giorno in cui sono state riprese le attività di spettacolo, se correlata alla curva crescente di contagi che purtroppo sta colpendo il nostro Paese nelle ultime settimane, evidenzia quindi come il settore dello spettacolo sia stato, in termini di sicurezza, assolutamente ‘virtuoso', grazie alla professionalità degli operatori ed al senso civico degli spettatori. L’esito dell’indagine dimostra, numeri alla mano, come il settore dello spettacolo, sempre nel pieno rispetto delle norme igienico sanitarie, ha dimostrato di essere capace di garantire la massima sicurezza ai propri lavoratori e al proprio pubblico."