Estate finita? Il divertimento continua
10 Ottobre 2017
09:36

Mangasia a Roma: il mondo del fumetto asiatico per la prima volta in mostra

Fino al 21 gennaio 2018 a Roma va in mostra il mondo del fumetto asiatico: si tratta della prima esposizione completa sull’argomento, con oltre duecento artisti e trecento opere provenienti da Giappone, Malesia e Vietnam.
A cura di Federica D'Alfonso
Mangasia, in mostra al Palazzo delle Esposizioni di Roma fino a gennaio.
Mangasia, in mostra al Palazzo delle Esposizioni di Roma fino a gennaio.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Estate finita? Il divertimento continua

Il 7 ottobre ha inaugurato, negli spazi del Palazzo delle Esposizioni di Roma, “Mangasia: Wonderlands of Asian Comics”. Si tratta della prima mostra interamente dedicata al mondo del fumetto orientale con pezzi unici, approfondimenti e incontri sui più affascinanti aspetti dell'arte del manga.

Fino al 21 gennaio 2018 saranno esposte oltre duecento tavole, molte delle quali non sono mai state mostrate fuori dal loro paese d'origine, per un totale di 300 autori provenienti dai numerosi paesi. Si va dall'opera disegnata nel 1830 dal giapponese Katsushika Hokusai “La casa dei piatti rotti” fino ai “Viaggi in Occidente” di Zhang Guangyu, passando attraverso sei sezioni che narrano le favole e il folclore, il rapporto con la censura e quello con le tecnologie multimediali.

L'idea, promossa dallo scrittore Paul Gravett, è quella di offrire una panoramica a tutto tondo dell'immenso mondo del manga: una vera e propria arte nata circa due secoli fa dalla tradizione popolare e trasformatasi nel tempo in un fenomeno commerciale senza precedenti. Le opere in mostra provengono non solo dal Giappone, ma anche dalla Corea del Nord, dalla Corea del Sud, da India, Cina, Malesia e Filippine, nonché dai meno noti manga cambogiani e vietnamiti.

Alla scoperta del mondo manga

All'esposizione vera e propria si affiancheranno, in questi mesi, una serie di incontri con i disegnatori, gli sceneggiatori e gli editori che da anni lavorano per portare l'immaginario asiatico in Italia. Giovedì 12 ottobre si parte con un approfondimento sul rapporto fra il nostro Paese e il Giappone, dalle origini del fenomeno al giorno d'oggi. Il 26 ottobre sarà invece dedicato al “Manga quotidiano”: insieme alla scrittrice Francesca Scotti si approfondirà il particolare aspetto comunicativo del fumetto all'interno della vita quotidiana dei paesi asiatici.

Con “Manga Revolution” invece, in programma per il 9 novembre, si parlerà dei celeberrimi “Sailor Moon”, “One Piece” e “Dragon Ball” e del loro impatto sull'animazione e il cinema insieme a Sabrina Perucca, Direttore Artistico di “Romics”, e al fumettista Sergio Algozzino. Si prosegue il 30 novembre con “La voce dei Manga” e quindi con uno sguardo interessante sui linguaggi verbali e grafici del fumetto. Infine, per tutto il mese di dicembre, si parlerà della cultura giapponese e dei temi più popolari come il fenomeno cosplay e i videogame con “Fenomeno Giappone”, previsto per il 14 dicembre.

104 contenuti su questa storia
Riccione, lo stabilimento balneare aperto anche d'inverno: "Ecco quanto costa"
Riccione, lo stabilimento balneare aperto anche d'inverno: "Ecco quanto costa"
381.142 di Leila Ben Salah
Jack Kerouac fu anche pittore: in mostra l’altro volto del padre della Beat Generation
Jack Kerouac fu anche pittore: in mostra l’altro volto del padre della Beat Generation
A Milano torna Bookcity: tanti gli eventi dedicati al libro, con Marc Augé e Umberto Eco
A Milano torna Bookcity: tanti gli eventi dedicati al libro, con Marc Augé e Umberto Eco
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni