Il Maestro Riccardo Muti mentre dirige la Chicago Symphony Orchestra (4 ottobre 2012, Carnegie Hall)
in foto: Il Maestro Riccardo Muti mentre dirige la Chicago Symphony Orchestra (4 ottobre 2012, Carnegie Hall)

L'Arena di Verona saluta l'estate 2020 e dà appuntamento direttamente al 2021. Sarà il maestro Riccardo Muti, con la direzione dell'Aida di Giuseppe Verdi in forma di concerto, ad aprire in due serate straordinarie, il 19 e 22 giugno 2021. Così il Festival 2021 dell'Arena di Verona, che tornerà dopo lo stop per l'emergenza sanitaria da coronavirus. La rappresentazione si terrà in occasione del 150esimo anniversario dalla prima rappresentazione di Aida all'Opera del Cairo nel 1871. Ad annunciare la notizia, il sovrintendente e direttore artistico della Fondazione Arena, Cecilia Gasdia.

L'annuncio arriva all'indomani delle linee guida con cui dal 15 giugno si riaprirà (si fa per dire) la stagione dei concerti dal vivo e degli spettacoli teatrali e lirici. Che, nei fatti, mettono fine ai grandi e grandissimi eventi. Con il nuovo Dpcm del Governo sono stati chiariti alcuni punti per quanto riguarda i grandi eventi live della prossima estate. Assomusica e tanti promoter hanno quindi dato appuntamento al 2021, cancellando i concerti del 2020: da Tiziano ferro, passando per Vasco Rossi, Cremonini, Pearl jam, Erci Clapton e tanti festival sono stati rinviati.

Stessa situazione, per quanto riguarda, le grandi rassegne estive teatrali. Nonché per la riapertura dei teatri, che al chiuso non potranno ospitare più di 200 persone per replica. Comprendendo, tra l'altro, diverse regole fortemente discusse dal settore dello spettacolo dal vivo e teatrale, in generale, tra cui quelle del distanziamento fisico tra attori e l'obbligo di mascherine per gli spettatori.