Non è la prima volta e probabilmente non sarà l'ultima volta che Notre-Dame de Paris, la cattedrale simbolo della cristianità e della Francia nel mondo, incorre in eventi che rischiano di minarne l'importanza e la sua stessa identità. Distruzioni, saccheggi, degrado. In 900 e passa anni di storia, la cattedrale celebrata da Victor Hugo nel suo romanzo del 1831 "Notre-Dame de Paris" ne ha viste di ogni tipo. E probabilmente, nonostante il fuoco di ieri sera, sopravviverà ancora una volta. Per quanto ci addolorino quelle immagini, e non vorremmo mai averle viste, la storia umana e dei monumenti è fatta anche di questo.

Dal 1163, quando iniziarono di costruzione laddove c'era stata una basilica dedicata a Santo Stefano e prima ancora, come spesso è accaduto nella cristianità, un tempio pagano, diversi sono stati nei secoli gli episodi infausti che hanno visto per protagonista la dimora del famoso "Gobbo" nascosto sull’Île de la Cité  di Parigi.  Con la sua costruzione iniziò anche la rinascita merovingia della città, una delle più famose espressioni dello stile gotico a livello mondiale, anche se probabilmente non il migliore. Eppure, data la valenza simbolica di questo luogo, considerato simbolo del cattolicesimo nei secoli Notre Dame è stata al centro di sommosse e danneggiamenti di ogni genere.

La cattedrale di "Nostra Signora di Parigi" è sopravvissuta alle rivolte degli Ugonotti, quando ci furono saccheggi e devastazioni a metà del XVI secolo, ma soprattutto durante la Rivoluzione francese del 1789, quando molti tesori furono distrutti, le statue dei reali di Francia decapitate e quelle dei santi spaccate. All'indomani della rivoluzione, la cattedrale fu rinominata "Tempio della Ragione" e trasformata  in magazzino e deposito di foraggio.

Solo successivamente, nel 1804, Napoleone Bonaparte la ritrasformò in luogo di culto, affinché diventasse il luogo dove ospitare la cerimonia in cui incoronato imperatore di Francia, le cui testimonianze pittoriche di  Jacques-Louis David sono conservate oggi al Museo del Louvre. Dopo il degrado del XIX secolo, la rinascita in seguito al successo del romanzo di Victor Hugo, nuovi saccheggi arrivarono con la breve esperienza della Comune di Parigi, nel 1871. Nel XX secolo, come sappiamo, Notre-Dame è sopravvissuta ai bombardamenti tedeschi della Seconda Guerra Mondiale. Fino a ieri notte, quando un terribile incendio, l'ha devastata. Con il crollo della famosa guglia che ha fatto (e sta facendo) il giro del mondo.