Una raccolta fondi per ricostruire la Cattedrale di Notre-Dame a Parigi. In cui sarà possibile adottare un "mostro", cioè uno dei "grotesque" che ne abbelliscono le pareti esterne e rendono unico questo monumento simbolo della Francia e dell'intera Europa. Dopo l'incendio del 2019, che ha distrutto buona parte della cattedrale parigina, proseguono incessanti i restauri. Secondo le ultime notizie, il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che "Nostra Signora" potrebbe riaprire già nel 2024. Tre anni più tardi, invece, riaprirà il Centre Pompidou, altro simbolo parigino chiuso per lavori urgenti di restauro e messa in sicurezza dell'edificio.

Intanto l’organizzazione no profit "Friends of Notre Dame de Paris", che si occupa di raccogliere fondi per la ricostruzione, ha lanciato un’iniziativa speciale per quanto riguarda la cattedrale: adottare un "grotesque" per finanziarne il restauro. I grotesque, questi che in italiano definiamo "mostri" sono le caratteristiche statue che ornano la cattedrale, per cui spesso si usa il nome di gargoyle, in maniera sbagliata, poiché questi ultimi sono le statue che fungono da doccioni per far defluire l’acqua piovana. Sul sito internet dell’organizzazione Friends of Notre-Dame è possibile scegliere la statua da adottare e fare una donazione.

L'incendio alla cattedrale di Notre-Dame del 2019

L'incendio alla cattedrale di Notre Dame di Parigi è avvenuto, sotto gli occhi di tutti i francesi e del mondo, il 15 aprile 2019. Erano quasi le 20 di sera del 15 aprile quando la guglia che sovrasta le arcate della cattedrale di Notre Dame a Parigi è crollata, a causa dell'incendio che ha devastato la capitale. "La flèche" (la freccia), si è spezzata cedendo al fuoco ed è venuta giù davanti agli occhi increduli dei passanti.

Tutti i danni subiti da Notre-Dame nella storia

Saccheggi, devastazioni, incuria: dalla Rivoluzione francese alla Comune di Parigi e fino alla Seconda guerra mondiale, in 900 anni di storia la cattedrale di Notre-Dame ha rischiato diverse volte di essere distrutta e perire nell’incuria. La cattedrale di "Nostra Signora di Parigi" è sopravvissuta alle rivolte degli Ugonotti, quando ci furono saccheggi e devastazioni a metà del XVI secolo, ma soprattutto durante la Rivoluzione francese del 1789, quando molti tesori furono distrutti, le statue dei reali di Francia decapitate e quelle dei santi spaccate. All'indomani della rivoluzione, la cattedrale fu rinominata "Tempio della Ragione" e trasformata  in magazzino e deposito di foraggio.