2.390 CONDIVISIONI
10 Agosto 2022
13:31

Vietato giocare in piazza, bimbi con lo smartphone per protesta: “Però criticate nostra generazione”

Il Comune di Melendugno, in provincia di Lecce, ha vietato ai bambini di giocare a pallone in piazza. Loro hanno organizzato una protesta con tanto di striscioni.
A cura di Gabriella Mazzeo
2.390 CONDIVISIONI

"Vietato giocare a palla in piazza", si legge sul cartello affisso dal Comune di Melendugno, in provincia di Lecce. I ragazzini hanno quindi organizzato un vero e proprio sit-in di protesta, con tanto di striscioni.

I bambini hanno manifestato la loro contrarietà semplicemente sedendo sulle panchine con il cellulare in mano. A raccontare questa storia, il quotidiano La Repubblica.

Alcuni residenti si erano infatti lamentati di "rumori molesti" causati dai ragazzini che giocavano a calcio. Da qui, la decisione dell'amministrazione comunale.

I bambini hanno però subito reagito portando con loro uno striscione che parlava chiaro: "Criticate tanto la nostra generazione, ma ci avete tolto il pallone", avevano scritto sul lenzuolo affisso nei pressi delle panchine.

foto da Facebook
foto da Facebook

I minori si sono fatti fotografare, uno per panchina, distesi a pancia in giù a guardare gli schermi dei loro smartphone.

Dopo la singolare protesta, l'epilogo: il sindaco Maurizio Cisternino ha incontrato i giovani manifestanti e ha sottolineato che la piazza nella quale giocavano a pallone, era stata ristrutturata da poco.

Ai bambini ha però promesso di rendere un'altra piazza, la Mar Rosso, una zona a traffico limitato per consentire loro di giocare a calcio senza essere esposti a pericoli o danneggiare oggetti.

foto da Facebook
foto da Facebook

Una promessa che non ha soddisfatto la voglia di questi ragazzini di tornare in strada per trascorrere del tempo insieme, ma la stretta di mano con il sindaco sarà una cambiale da presentare al più presto all'amministrazione comunale.

Nel frattempo, gli striscioni e la protesta hanno fatto scalpore nel comune in provincia di Lecce.

Quanto scritto sui lenzuoli appesi accanto alle panchine, però, sembra non aver fatto (davvero) breccia nel cuore degli adulti che hanno comunque mostrato soddisfazione alla notizia della chiusura della piazza.

2.390 CONDIVISIONI
A due giorni dal voto abbiamo una certezza: qualsiasi governo dovrà fare i conti con loro
A due giorni dal voto abbiamo una certezza: qualsiasi governo dovrà fare i conti con loro
Panettieri in protesta per il caro energia a Napoli:
Panettieri in protesta per il caro energia a Napoli: "Regaliamo il pane ma non lo butteremo mai"
126.103 di Carmine Benincasa
A Napoli bruciate le bollette di gas e luce in piazza:
A Napoli bruciate le bollette di gas e luce in piazza: "Costi esagerati"
17.333 di Fanpage.it Napoli
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni