Si è recata dopo le 18 in un supermercato, ma le è stato vietato di acquistare due pacchi di assorbenti perché non considerati “beni di prima necessità”, come previsto dal Dpcm anti Covid. Alessia Ria, studentessa di 22 anni di Collepasso, in provincia di Lecce, ha denunciato l'accaduto su Facebook: "Siamo arrivati all'assurdo", scrive a corredo della foto nella quale si vede il cartello posto sullo scaffale che informa la clientela del divieto di acquisto di quel tipo di prodotti.

"Non solo sono considerati beni di lusso, non solo paghiamo il 22% di Iva, ma adesso devo anche privarmi di un qualcosa di cui io e miliardi di donne abbiamo bisogno ogni mese. Che facciamo, per questa zona rossa non facciamo venire la Mestruazione? Sono senza parole", scrive Alessia.

Alessia ha confermato l'accaduto a Fanpage.it. Ha spiegato di aver comunque provato ad acquistarli, ma un cassiere ha battuto tutti gli acquisti eccezion fatta per gli assorbenti. "Non posso venderle questi", ha spiegato, adducendo di esser già stato richiamato in mattinata dalle forze dell'ordine per un episodio analogo. Una situazione paradossale, seppur pienamente legittimata dalla normativa vigente in Puglia, dove è avvenuto il fatto.

Dopo che il suo post ha catalizzato l'attenzione dell'opinione pubblica, Alessia ha aggiunto: "Sono una semplice ragazza di 22 anni che nel suo piccolo vi chiede di non stare in silenzio, di parlare sempre e cercare aiuto quando serve. Due giorni fa mi sono sentita in imbarazzo, mi sono sentita privata di un qualcosa che ho e non posso fare a meno di avere. Mi dispiace che per alcune donne questo sia una stupidaggine ma credo che nel 2021 viviamo ancora in ‘un mondo troppo asessuato, dove l'unico sesso a prevalere sia quello maschile, come diceva Carla Lonzi". Infine precisa: "non ho nulla contro tutte le persone che lavorano nei supermercati, anzi, non è giusto che ancora dopo un anno di pandemia le persone debbano privarsi ancora del loro lavoro".

Cosa dice l'ordinanza ‘anti-assorbenti'

L'ordinanza emessa venerdì scorso dal presidente della Regione Puglia, recita così: "Con decorrenza dal 27 marzo e sino al 6 aprile 2021, tutte le attività commerciali consentite dal Dpcm del 2 marzo 2021 in zona rossa (articolo 45), chiudono alle ore 18,00, ad eccezione delle attività di vendita di generi alimentari, di carburante per autotrazione, di combustibile per uso domestico e per riscaldamento, delle edicole, dei tabaccai, delle farmacie e delle parafarmacie".