24 Ottobre 2017
15:08

Vanna e il suo progetto umanitario che salva centinaia di bambini di Chernobyl

Dopo la morte del figlio in un incidente stradale la donna, insieme al marito Fabrizio, è diventata coordinatrice di un progetto umanitario che porta il nome del figlio morto 20 anni prima.

Ha perso un figlio nel 1997, il primogenito, Matteo Fusi, ma è riuscita a superare il più difficile dramma personale che una madre potrebbe affrontare. Parliamo della storia di Vanna Vanni, una donna di 64 anni che vive a Tavernelle Val di Pesa, in provincia di Firenze. Oggi la donna è riuscita a creare un progetto umanitario che porta il nome del primogenito perso nel 1997, venti anni fa. Il gruppo si occupa dell'ospitalità di bambini bielorussi provenienti dalla regione di Gomel e ha coinvolto tante persone. Un progetto unico nel ricordo del figlio che perse la vita in un incidente stradale.

L'incidente

Il 6 settembre 1997 Matteo Fusi aveva da poco compiuto 20 anni. Sarebbe dovuto partire per l'Inghilterra, per un viaggio studio. Quella sera per festeggiare la partenza andò a cena con due amici. Su una curva, in salita, la macchina slittò e lui non aveva la cintura di sicurezza allacciata. Nell'impatto Matteo andò a sbattere la testa nell'intelaiatura e andò in coma. Dopo 5 giorni di coma il ragazzo morì.

Il progetto

Il progetto umanitario ‘Matteo Fusi' nasce dall'idea di Vanna Vanni, che insieme all'aiuto del marito Fabrizio, noto imprenditore di Tavarnelle, e dei tre fratelli di Matteo, volevano far rivivere il nome di ‘Teo'. L'associazione si occupa dell'accoglienza dei bambini di Chernobyl. Era già nata a pochi anni di distanza dall'incidente nucleare del 1986. Con l'ingresso di Vanna e Fabrizio il progetto ha ripreso vita grazie ai soldi dell'assicurazione per la morte di Matteo. Vanna e Fabrizio sono diventati i coordinatori e i maggiori sostenitori del progetto, caricandosi le spese per il viaggio aereo di andata e ritorno di tutti i bambini, nonché degli insegnanti e degli interpreti che li accompagnano.

La nave umanitaria Geo Barents è sbarcata ad Ancona dopo cinque giorni di maltempo
La nave umanitaria Geo Barents è sbarcata ad Ancona dopo cinque giorni di maltempo
“Nessuno ci associ più a Matteo Messina Denaro”, centinaia di studenti in piazza a Castelvetrano
“Nessuno ci associ più a Matteo Messina Denaro”, centinaia di studenti in piazza a Castelvetrano
Messina Denaro dal carcere: “Ho letto centinaia di libri, vi prego di ricevere le migliori terapie”
Messina Denaro dal carcere: “Ho letto centinaia di libri, vi prego di ricevere le migliori terapie”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni