2.866 CONDIVISIONI
Covid 19
14 Novembre 2021
09:39

Un anno fa record storico di contagi: 40.902. Ieri grazie ai vaccini 8.544 infezioni

Un anno fa l’Italia raggiungeva il picco storico dei contagi: 40.902 casi e 550 morti in 24 ore. Ieri le infezioni sono state 8.544, i decessi 53.
A cura di Davide Falcioni
2.866 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il 13 novembre del 2020 – dunque esattamente un anno fa – l'Italia raggiungeva il picco storico dei contagi da Covid 19: il Ministero della Salute, infatti, rivelava ben 40.902 casi di coronavirus su 254.908 tamponi e 550 morti in 24 ore. A un anno di distanza, grazie soprattutto agli effetti della campagna vaccinale, la situazione è fortunatamente molto diversa: nel bollettino di ieri, 13 novembre 2021, infatti sono stati registrate 8.544 infezioni su 540.371 tamponi e 53 decessi. Il quadro epidemiologico, dunque, è sensibilmente cambiato e secondo gli scienziati il merito va in gran parte all'introduzione dei vaccini. Un anno fa, infatti, non erano ancora stati approvati: le prime dosi, come si ricorderà, sarebbero arrivate in Italia solo il 27 dicembre. Decisamente migliore, a un anno di distanza, soprattutto la situazione negli ospedali: il 13 novembre del 2020 erano 30.914 i pazienti ricoverati in ospedale con sintomi, 3.230 quelli nei reparti di terapia intensiva. Ieri i pazienti totali in area medica erano 3.597, mentre quelli in rianimazione 453.

Monitoraggio ISS: "I contagi aumenteranno nelle prossime settimane"

Quelli del novembre 2021 sono – ad ogni evidenza – numeri decisamente più rassicuranti rispetto a un anno fa. Ciò nonostante sarebbe molto pericoloso abbassare la guardia  e considerarci fuori pericolo: secondo l'ultimo monitoraggio condotto dall'Istituto Superiore della Sanità, infatti, il quadro epidemiologico italiano è in peggioramento:  l'indice Rt di trasmissibilità del virus è arrivato a quota 1,21, superando la soglia di guardia di 1, mentre l'incidenza a 7 giorni ha raggiunto i 78 casi ogni 100mila abitanti, nella settimana che va dal 5 all'11 novembre, di contro ai 53 per 100mila abitanti dei sette giorni precedenti. A questi dati ha fatto seguito un incremento della pressione ospedaliera, con tutte le regioni a rischio moderato e una, il Friuli Venezia Giulia, che va verso il rischio alto. "La proiezione sia della trasmissibilità che dell'ospedalizzazione rimane sopra la soglia epidemica di uno il che vuole dire che i casi son destinati a crescere" ha spiegato il presidente dell'ISS Silvio Brusaferro. L'efficacia dei vaccini però rimane "molto elevata per ospedalizzazione, ricoveri in intensiva e decessi mentre per le diagnosi di infezione è più bassa a partire dal sesto mese quindi è importante aderire alla terza dose come viene raccomandato dal Ministero".

2.866 CONDIVISIONI
29630 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni