387 CONDIVISIONI
18 Giugno 2022
09:52

Uccise a coltellate l’ex compagno di scuola: condannato a 20 anni di carcere

Ancona: dopo 2 anni dall’omicidio di Michele Martedì, arriva la condanna. Per l’assassino Mattia Rossetti 20 anni di carcere, 5 di Rems, risarcimento alla famiglia.
A cura di Giusy Dente
387 CONDIVISIONI
Mattia Rossetti e Michele Martedì
Mattia Rossetti e Michele Martedì

Michele Martedì ha perso la vita la mattina dell'8 dicembre 2020 ad Ancona, ucciso da un coetaneo che conosceva e frequentava da anni. Mattia Rossetti, questo il nome dell'assassino, gli ha sferrato una decina di coltellate al collo e al torace: per il 26enne non c'è stato nulla da fare, è morto in un lago di sangue, abbandonato per strada dal killer. Ora per Mattia Rossetti è arrivata la condanna: 20 anni di carcere, 5 di Rems e risarcimento milionario alla famiglia. Quattro le aggravanti del delitto, ma la perizia psichiatrica gli ha riconosciuto un parziale vizio di mente.

Il delitto di Michele Martedì

Michele Martedì e Mattia Rossetti, entrambi 26enni all'epoca dei fatti, erano stati per diverso tempo compagni di scuola. Il gesto dell'assassino è giunto per futili motivi, forse legati a una ragazza. Oltre ai futili motivi, sono state riconosciute al killer anche altre tre aggravanti: premeditazione, crudeltà e stalking. Una vera ossessione nei confronti della vittima insomma, sfociata nell'efferato delitto, premeditato in tutti i suoi dettagli. Rossetti aveva acquistato coltello e passamontagna e aveva cercato informazioni su come scappare dall'Italia una volta ucciso l'amico. Grazie alle testimonianze di diversi testimoni per gli inquirenti è stato facile arrivare a lui: dopo essere stato individuato e arrestato, ha confessato l'omicidio.

Mattia Rossetti
Mattia Rossetti

La condanna di Mattia Rossetti

A distanza di due anni dal delitto è giunta la condanna per Mattia Rossetti. Il giovane dovrà scontare 20 anni di carcere più 5 in una struttura sanitaria specifica per assassini con disturbi mentali. La Corte gli ha infatti riconosciuto un vizio parziale di mente e l'incapacità di intendere al momento del delitto: la perizia è stata eseguita dallo psichiatra Renato Ariatti. Sembra che Rossetti avesse problemi di salute mentale, che attribuiva proprio alla vittima, uccisa appunto perché ritenuta la causa di quella situazione. Inoltre Rossetti, oggi 28enne, dovrà risarcire i familiari della vittima con una cifra pari a un milione di euro.

387 CONDIVISIONI
Uccise bracciante a colpi di zappa per avergli rotto lo specchietto dell'auto: condannata a 22 anni
Uccise bracciante a colpi di zappa per avergli rotto lo specchietto dell'auto: condannata a 22 anni
Chiara Gualzetti uccisa a 15 anni, la sentenza: il killer condannato a 16 anni e 4 mesi
Chiara Gualzetti uccisa a 15 anni, la sentenza: il killer condannato a 16 anni e 4 mesi
Ucciso a coltellate dalla moglie, i genitori di Francesco Vetrioli:
Ucciso a coltellate dalla moglie, i genitori di Francesco Vetrioli: "Lei mente, odiava nostra famiglia"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni