9 Dicembre 2021
13:56

Treviso, percorsi riabilitativi per uomini violenti: “Così impariamo a smettere”

Cambiamento Maschile è un gruppo di ascolto per uomini che usano violenza in famiglia. Abbiamo incontrato un ex violento che ci ha raccontato il suo percorso: “Ho imparato a conoscere i miei sentimenti e a contrastare la violenza”.
A cura di Elia Cavarzan

A Montebelluna, in provincia di Treviso, è attivo da qualche anno il gruppo "Cambiamento Maschile", rivolto agli uomini violenti, all'interno della cooperativa "Una casa per l'uomo". È nato con lo scopo di potenziare e integrare la rete dei servizi territoriali esistenti che operano a contrasto della violenza di genere. La psicologa che segue il gruppo, Nicoletta Regonati, spiega a Fanpage.it: "Quello che cerchiamo di fare è ampliare la nostra capacità di intervento territoriale sul tema della violenza di genere. Oltre ad aiutare le donne con i centri antiviolenza Antares, il progetto Cambiamento Maschile ha come obiettivo generale la messa in sicurezza delle vittime partendo da chi compie la violenza, attraverso azioni che contrastino la violenza e ne prevengano il ripetersi nel tempo".

Il counselor Fabio Ballan, anche lui coinvolto nel progetto, illustra le modalità di accesso: "Gli uomini entrano di spontanea volontà, magari perché aiutati da una rete amicale propositiva e capace di convincerli di questo, oppure a seguito dell'intervento delle Forze dell'Ordine che hanno identificato un soggetto violento. Da parte degli utenti deve esserci l'interesse e la volontà di crescere ed indagare i rapporti e le relazioni affettive di coppia".

Un ex uomo violento, ormai alle fasi conclusive del suo percorso, ci racconta la sua esperienza in qualità di utente di Cambiamento Maschile: "Sono entrato nel 2017 per consiglio di un medico. Ero in cura e mi è stato detto che mi avrebbe fatto bene. Ho imparato cos'è la violenza, le sue sfaccettature, le sue diverse accezioni: verbale, fisica, psicologica. Ho visto che riuscendo a parlare dei miei sentimenti con altri uomini ero capace anche di prevenire gli scatti violenti". Quando era violento con sua moglie non sapeva dell'esistenza del gruppo Cambiamento Maschile: "Mi sarebbe piaciuto esser riuscito a entrare prima in contatto con questo gruppo, nonostante questo, oggi mi sento fortunato e sempre in cammino".

Treviso, tribunale dà al figlio di una coppia il cognome della madre perché il padre è violento
Treviso, tribunale dà al figlio di una coppia il cognome della madre perché il padre è violento
"Puteoli Sacra", l'arte che porta lavoro ai giovani in carcere a Nisida e Pozzuoli
48.414 di AntonioMusella
Terremoto di magnitudo 3.6 a Reggio Calabria: paura tra la popolazione
Terremoto di magnitudo 3.6 a Reggio Calabria: paura tra la popolazione
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni