Guarito dal covid e dimesso dall’ospedale, ha invitato tutti i sanitari sulla sua barca a vela per un tour in modo da ringraziarli per tutto quello che hanno fatto per loro. Lui è Enzo Valente 59enne calabrese di Cirò Marina, che dopo dieci giorni di ricovero all’ospedale San Giovanni di Dio di Crotone ha deciso di sdebitarsi a modo suo nei confronti di quelli che chiama angeli. “Questi angeli si sono presi cura di me, mi hanno aiutato e non mi hanno mai lasciato solo” durante la battaglia contro il covid-19, ha scritto Valente in una lettera aperta di ringraziato a medici e infermieri del nosocomio crotonese. Enzo ha scoperto di essere positivo all'inizio di maggio, quando ha iniziato ad accusare i primi sintomi che poi si sono aggravati fino il ricovero.

“Arrivato all’ospedale di Crotone “San Giovanni di Dio” i medici si sono prodigati per trovarmi un posto e il personale medico mi ha mostrato una grande disponibilità e sensibilità aiutandomi per ogni cosa io avessi bisogno. Da quel momento in poi, questi “angeli” si sono presi cura di me, mi hanno aiutato, non mi hanno mai lasciato solo e hanno soddisfatto tutte le mie richieste” ha raccontato il 59enne. “Questi Angeli riescono a colmare quello che ti lascia il Covid-19 ovvero La solitudine più totale, Tutta questa assurda situazione mi ha permesso di vedere e toccare con mano una Realtà che vedevo solo tramite la televisione, Medici Infermieri OSS con queste tute spaziali, visiere appannate che si muovono in continuazione senza mai fermarsi e che lavorano instancabilmente ogni giorno” ha aggiunto Valente .

Dopo quasi dieci giorni di ricovero, le condizioni di Enzo sono migliorate è l’uomo è stato dimesso ma dalla sua casa ha pensato subito di lanciare una nuova iniziativa, un’escursione gratuita sulla sua barca a vela per tutti i sanitari impegnati in questa pandemia “per far vivere loro qualche ora di svago e di spensieratezza”. Vi aspetto in Tanti. Con l’augurio che tutto questo finisca al più presto! “ ha concluso l’uomo rimandando per contatti alla pagina Facebook “Sailing Enzo sport”