I poliziotti del IX Reparto Mobile di Bari hanno deciso di acquistare beni da devolvere ai più bisognosi, devolvendo i buoni pasto per un corrispettivo di oltre 25mila euro. Hanno donato generi alimentari ad associazioni, parrocchie e comunità locali impegnate sul territorio barese nel volontariato sociale ed umanitario.

I buoni pasto donati dagli agenti, pari a circa 4.500 pasti, sono stati convertiti in generi alimentari quali farina, pasta, caffè, passate di pomodoro e latte. Il tutto grazie alla collaborazione della ditta LADISA Ristorazione Srl che cura la ristorazione della mensa del Centro Polifunzionale della Polizia di Stato del capoluogo pugliese. Poi, nella mattinata odierna, è iniziata nel Centro Polifunzionale della Polizia di Stato di Bari la distribuzione dei cesti e dei beni alimentari a cura del servizio logistico del Reparto Mobile. Si tratta di un gesto per rendere più sereno il periodo delle festività a coloro che ne hanno più bisogno. Coloro che si trovano in situazioni di indigenza sono aumentati nel corso del 2020, soprattutto dopo la crisi scatenata dalla pandemia di Covid-19. L'epidemia ha causato la cassa integrazione per tanti lavoratori e la chiusura di diverse attività private che non hanno resistito alle limitazioni imposte dalla seconda ondata di contagio.

Per questo motivo, le associazioni di volontariato hanno incrementato la loro azione su tutto il territorio nazionale, in particolare sulle città del Sud Italia, colpite a morte dalla crisi economica innescata dal lockdown. Ad aiutare le associazioni anche le forze dell'ordine, che più di una volta si sono occupate di operazioni di tipo umanitario per famiglie sprovviste anche della spesa per arrivare alla fine della settimana corrente. Gli agenti hanno portato a casa delle famiglie interessate il necessario per la settimana e la cena.