A ciascun dipendente del gruppo industriale “Plastic Puglia” di Monopoli (Bari) al quale nascerà un figlio verrà garantito oltre a un bonus di seimila euro una tantum (già deciso nel giugno 2019) anche un premio di 300 euro mensili per un anno. A renderlo noto Vitantonio Colucci, fondatore e titolare dal 1967 del gruppo, con circa 180 lavoratori, specializzato nell’irrigazione di precisione.

La decisione dell’ulteriore bonus in busta paga è stata presa dopo la nascita nel 2020 di tre bambini, figli di dipendenti della “Plastic Puglia”. “Ho deciso di istituire questo nuovo bonus – ha spiegato l'imprenditore – perché noto con rammarico che lo Stato non dedica particolare attenzione al drammatico calo demografico che continua a investire l’Italia. La somma che metto a disposizione dei miei dipendenti aiuterà ad affrontare le prime, più indispensabili spese che comportano l’arrivo di un neonato. Mi auguro possa costituire un incentivo a far nascere altri bambini”.

In merito ai “dati allarmanti” diffusi dall’Istat nei giorni scorsi, l’imprenditore ha inoltre evidenziato che “il progresso dell’economia di uno Stato è nello sviluppo demografico. I nuovi nati sono cittadini dello Stato, e lo stesso Stato al quale appartengono ha il dovere di aiutarne e supportarne la crescita. Il mio incentivo alle nascite è una idea maturata nell’ottica di un sostegno alla crescita demografica e sono certo che potrà favorire anche il ‘ricambio generazionale’ del mio gruppo, dove lavorano già i figli di molti dipendenti.  Mi auguro che – ha concluso Colucci – possa essere di esempio e d’incoraggiamento per altre aziende”.