4.841 CONDIVISIONI
26 Maggio 2020
09:47

Paura nel bosco, escursionisti trovano filo collegato a fucile carico pronto a sparare

Il filo poco visibile tra la vegetazione era sistemato in modo che se toccato avrebbe fatto scattare il grilletto di un fucile da caccia occultato poco lontano, carico e pronto a sparare. I carabinieri hanno identificato il responsabile, un cacciatore denunciato alla procura di Spoleto per i reati di porto illegale di armi in luogo pubblico, omessa custodia di armi e munizioni e detenzione di munizioni illegali.
A cura di Antonio Palma
4.841 CONDIVISIONI
immagine di archivio
immagine di archivio

Un filo poco visibile tra la vegetazione, sistemato in modo che se toccato avrebbe fatto scattare il grilletto di un fucile da caccia occultato poco lontano, carico e pronto a sparare con tutte le conseguenze caso. È quanto hanno scoperto alcuni escursionisti in Umbria mentre si aggiravano tra le campagne e i boschi nei dintorni del comune di Gualdo Cattaneo, in provincia di Perugia. La scoperta è avvenuta per caso domenica scorsa durante una escursione. La vera e propria trappola ovviamente era opera di un cacciatore di frodo in cerca di selvaggina ma se attivata da qualche escursionista disattento avrebbe potuto portare a conseguenze decisamente più drammatiche

Il caso è stato subito segnalato agli uomini delle forze dell’ordine e sul posto nel tardo pomeriggio di domenica sono accorsi i carabinieri che hanno avviato subito le indagini. Per i miliari dell’Arma non è stato difficile rintracciare il responsabile della trappola, identificato e denunciato a piede libero. È bastato controllare la matricola del fucile, un’arma regolarmente detenuta e denunciata, per risalire al possessore. Dall’esame del fucile è stato identificato un cacciatore della zona, raggiunto e interrogato dai carabinieri. Di fronte alle evidenze, l’uomo ha ammesso di aver piazzato quel filo invisibile in tensione pronto a tirare e a fare fuoco per catturare un cinghiale. La sua giustificazione non gli ha risparmiato una denunciato alla procura di Spoleto per i reati di porto illegale di armi in luogo pubblico, omessa custodia di armi e munizioni e detenzione di munizioni illegali a casa visto che durante la perquisizione domiciliare sono stati rivenuti altre armi e munizioni

4.841 CONDIVISIONI
ISS: "Omicron in forte aumento, è presente nel 28% delle acque reflue"
ISS: "Omicron in forte aumento, è presente nel 28% delle acque reflue"
Omicron, aumentano i contagi tra i medici: “Ma il sistema regge, grazie al vaccino”
Omicron, aumentano i contagi tra i medici: “Ma il sistema regge, grazie al vaccino”
Chieti, 9 donne positive al Covid in attesa di partorire. L'ospedale: "Mai così tante fino ad ora"
Chieti, 9 donne positive al Covid in attesa di partorire. L'ospedale: "Mai così tante fino ad ora"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni