Papa Francesco si schiera in difesa delle coppie omosessuali e delle unioni civili e lo fa chiedendo esplicitamente per loro una “copertura legale”. Bergoglio si dice a favore delle unioni civili per queste coppie con alcune frasi estrapolate dal documentario intitolato ‘Francesco’, mostrato per la prima volta mercoledì alla Festa del Cinema di Roma. Secondo Papa Francesco “gli omosessuali hanno diritto di essere in una famiglia. Sono figli di Dio e hanno il diritto a una famiglia. Nessuno deve esserne escluso”. Bergoglio sottolinea come il suo messaggio sia inclusivo: “Nessuno dovrebbe essere estromesso o reso infelice per questo”, afferma ancora riferendosi alle coppie omosessuali.

Ma Bergoglio va anche oltre e chiede un intervento legislativo in tal senso. Un invito non rivolto tanto all’Italia e alla legislazione italiana sul tema, quanto a tutto il mondo e a tutti i Paesi, soprattutto quelli dove le unioni civili per le coppie omosessuali non sono ancora riconosciute legalmente. “Ciò che dobbiamo creare – afferma il Papa – è una legge sulle unioni civili. In questo modo gli omosessuali godrebbero di una copertura legale”. D’altronde, sottolinea ancora, “io ho difeso” norme di questo tipo, afferma riferendosi anche al passato.

Le frasi vengono pronunciate da Papa Francesco circa a metà del film, un documentario in cui vengono toccati molti temi cari al pontefice: la povertà, l’immigrazione, la disuguaglianza e l’ambiente. Nel film, inoltre, ci sono anche altri momenti in cui si tratta il tema delle coppie omosessuali. Come avviene, per esempio, con la telefonata fatta a una coppia di omosessuali con tre figli a carico: loro gli avevano inviato una lettera per esprimere il loro imbarazzo quando portavano i bambini in parrocchia. La risposta di Papa Francesco è un consiglio: ignorare i giudizi degli altri e continuare a portare normalmente i bambini in chiesa.