E' di un sub morto e un altro disperso il bilancio di un incidente avvenuto – per cause ancora da accertare – nei fondali al largo dell'Isola delle Femmine, in Sicilia. Sul posto sono intervenute le motovedette della capitaneria di porto arrivate da Mondello e Palermo. Uno dei due cadaveri – di un uomo di 56 anni – è stato già recuperato. I due sommozzatori si erano immersi insieme nella zona dell'isolotto, a circa un miglio dalla costa. Alle ricerche del disperso stanno prendendo anche i sub dei vigili del fuoco. L'allarme è scattato questa mattina. Sul posto anche i carabinieri e il medico legale.

Stando alle prime ricostruzioni questa mattina tre amici palermitani sono usciti in mare in gommone preso in affitto nel porto di Isola delle Femmine. I due si sono immersi e il terzo è rimasto sulla barca. Sarebbe stato proprio quest'ultimo a recuperare il corpo dell'amico e riportarlo nella banchina del porticciolo di Isola delle Femmine dando subito l'allarme e facendo scattare le ricerche del sub disperso. Non si conoscono ancora le generalità delle vittime.

Sul posto è entrato in azione, per la ricerca del sub disperso, anche il Rov, remotely operated vehicle, veicolo sottomarino pilotato da una postazione per scandagliare i fondali. Capitaneria di porto e sommozzatori dei vigili del fuoco sono all'opera a circa due miglia da Isola delle Femmine, con un fondale impegnativo di circa 80 metri. Il medico legale ha compiuto l'ispezione cadaverica sul corpo della vittima recuperata, mentre l'autorità giudiziaria, che ha aperto un'inchiesta, ha sequestrato il gommone e l'attrezzatura. Non sono stati trovati attrezzi per la pesca, quindi i due sub erano sul posto per altri scopi. In zona, spiegano i soccorritori, si trova il relitto di un mercantile inabissatosi durante la seconda guerra mondiale, che è motivo di attrazione per molti amanti dei fondali.