"Soltanto un miracolo può salvarla". Il papà di Carlotta, 9 anni, è disperato. Da tre mesi la sua bambina è costretta su un letto di ospedale e da qualche giorno è ricoverata nella clinica nefrologica pediatrica di Padova in condizioni gravissime, dopo aver contratto un virus misterioso mentre era in gita con la parrocchia questa estate. Un vacanza che si è trasformata in incubo per questa famiglia di Fiesso d'Artico, in provincia di Vicenza, che continua a sperare in una ripresa della piccola, anche se con il passare del tempo la situazione non sembra presentare molti miglioramenti. Come riporta il quotidiano Il Gazzettino, la bambina aveva trascorso qualche giorno con i compagni a Casa Serena a Laggio di Vigo di Cadore, una struttura molto frequentata durante tutto l'anno, facendo anche delle escursioni in montagna. Era la fine dello scorso mese di luglio.

Al ritorno, la piccola ha manifestato subito un malessere che in poco tempo è peggiorato. Così, dopo essere stata trasportata al pronto soccorso di Dolo, i medici hanno deciso di ricoverarla ma pare, in un primo momento, senza capirne la gravità. Nei giorni successivi la situazione è precipitata e si è così deciso di trasferirla a Padova. Secondo i dottori, dopo analisi approfondite, si tratterebbe di escherichia coli, ma intanto le condizioni di Carlotta non tendono a migliorare. "Hai fatto vedere come si sopravvive anche su un filo per 3 mesi – ha scritto sulla sua pagina Facebook papà Umberto – nonostante si sia rotto più volte, hai trovato il modo per non precipitare mai. Papà sarà sempre fiero di avere una figlia come te".