18 Settembre 2013
11:00

Nonno 78enne a processo: giochi erotici con la nipotina di 6 anni

Un uomo di Treviso è stato denunciato dai genitori di una bambina di 6 anni in quanto avrebbe in più occasioni abusato di lei. La bambina è la nipote di sua moglie.
A cura di Susanna Picone

Con l’accusa di aver abusato di una bambina di sei anni finisce a processo un pensionato 78enne di Treviso. La bambina, presunta vittima di molestie, è la nipote acquisita (cioè la nipote di sua moglie) dell’uomo. Secondo la ricostruzione degli inquirenti – il nonno “orco” è stato denunciato dai genitori della piccola – l’uomo avrebbe in più occasioni abusato della bambina approfittando della fiducia delle persone che gli stavano vicino. A quanto pare il nonno si appartava con la nipotina e, lontano da occhi indiscreti, la abbracciava e la baciava toccandola nelle parti intime.

Il nonno respinge ogni accusa – In seguito ai fatti la moglie dell’uomo, una donna ucraina, ha immediatamente lasciato il marito. Il pensionato, da parte sua, ha però sempre respinto le accuse ritenendosi vittima di un complotto. In base a quanto emerso nel corso degli interrogatori, gli inquirenti di Treviso hanno ritenuto credibile però la versione della presunta vittima che mostrerebbe segni evidenti di quanto vissuto. Secondo la difesa nella ricostruzione della pubblica accusa non sarebbe però stata tenuta in considerazione la situazione “ambientale” nella quale viveva la piccola.

Muore a 6 anni per un incidente in minimoto, condannato il papà di Marco Scaravelli
Muore a 6 anni per un incidente in minimoto, condannato il papà di Marco Scaravelli
Il bimbo di 6 anni che ha sparato alla maestra in classe aveva già provato a soffocare un'educatrice
Il bimbo di 6 anni che ha sparato alla maestra in classe aveva già provato a soffocare un'educatrice
Muore di crepacuore a causa delle bombe russe in Ucraina: Elya aveva solo 6 anni
Muore di crepacuore a causa delle bombe russe in Ucraina: Elya aveva solo 6 anni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni