Quando ha visto quella multa recapitata a casa, l'automobilista probabilmente avrà pensato a uno scherzo ma era tutto vero:  il verbale redatto dalla polizia municipale per eccesso di velocità su una strada provinciale recava l'enorme cifra di oltre 850 euro ma soprattutto l'assurda velocità di 703 km/h. Peccato che la giovane non avesse un aereo ma bensì una più modesta utilitaria, una ford Focus. L'episodio vede come protagonista, suo malgrado, una giovane automobilista di Offagna che transitava tra le strade di Osimo, in provincia di Ancona, e che oltre alla sanzione si è vista decurtare anche dieci punti sulla patente con conseguenze ritiro della stessa.  Secondo il verbale, redatto in base ai dati di un autovelox, la donna stava sfrecciando con l'auto a 703 km/h che, seppur ridotti del 5% a 668 km/h, significano aver superato il limite imposto di 70 chilometri orari di ben 598 km/h.

L'episodio risale al pomeriggio del 24 aprile scorso quando la malcapitata automobilista transitava lungo quel tratto via di Jesi dove è installato l'autovelox incriminato. L'assurdo verbale  "Questo conducente è un pazzo scatenato forse nemmeno con un missile riuscirebbe ad andare a 703 km/h" ha commentato l’ex consigliere comunale Giovanni Strologo, portavoce del comitato per il rispetto del codice della strada  a cui la dona si è rivolta. "Il comando di polizia municipale ha delle responsabilità di controllare i verbali che spediscono. Ora consiglio il trasgressore di fare ricorso poiché la multa di 847 euro dovrà pagarla, e non accetti l'annullamento in aututela. Gli verrà riconosciuto da il GDP un adeguato indennizzo per il danno subito" ha aggiunto Strologo pubblicando sui social il verbale .