La “tregua” garantita dall'anticiclone delle Azzorre che mantiene condizioni di tempo abbastanza stabile sul nostro Paese e con temperature negli ultimi giorni meno opprimenti rispetto a quelli precedenti è destinata a non durare a lungo. Presto tornerà infatti prepotente l'alta pressione africana con il suo carico di stabilità, ma soprattutto di caldo. Secondo gli esperti meteo del sito ilmeteo.it, fino a domani – giovedì 20 giugno – non ci saranno particolari scossoni dal punto di vista termico, ma le cose cambieranno già venerdì 21 giugno, giorno del solstizio d’estate. In particolare oggi, mercoledì 19 giugno, e probabilmente anche domani saranno giornate durante le quali ancora una volta i rilievi alpini e la dorsale appenninica dovranno fare i conti con qualche disturbo temporalesco pomeridiano. Venerdì poi l'anticiclone delle Azzorre si prenderà qualche giorno di ferie lasciando spazio al suo stretto parente sub tropicale. E così nel prossimo weekend il grande caldo sarà già protagonista su Sardegna, Sicilia ma anche su gran parte del Sud e sull'area tirrenica del Centro. Sulle zone interne di Sicilia e Sardegna le temperature toccheranno i 42 gradi, specie in Sicilia.

Caldo infernale la prossima settimana – L’ondata di gran caldo del weekend si farà sentire ancor più, secondo gli esperti meteo, la prossima settimana. Da lunedì 24 giugno una poderosa e ulteriore risalita d'aria rovente potrebbe colpire duramente molte regioni d'Italia portando i termometri a toccare picchi ben superiori ai 43-44 gradi. Saranno colpite dal gran caldo anche le regioni centro-settentrionali dove il caldo e l'afa potranno divenire seriamente opprimenti. Se tutto verrà confermato, fanno sapere gli esperti meteo, ci troveremo dinnanzi un'ondata di caldo davvero anomala ed eccezionale per il mese di giugno.