Luca Cardillo

Luca Cardillo si sarebbe dovuto operare ieri: era stata infatti fissata per martedì l'amputazione della gamba destra, quella in cui sta avanzando l'osteosarcoma, un tumore maligno che ha stravolto la vita del giovane siciliano. Purtroppo a non convincere i medici, stando a quanto ci comunicano i suoi familiari, sono la polmonite e del liquido ai polmoni che andrà aspirato: per oggi, infatti, è prevista "un'aspirazione dello spazio pleurale sinistro". Il paziente potrà essere operato solo se in buone condizioni di salute.

È doveroso ricordare che Luca Cardillo – oltre all'osteosarcoma alla gamba destra – ha anche delle metastasi polmonari: al momento, come più volte ribadito, i medici americani si starebbero concentrando sul tumore primario che – come dimostrano le foto – ha deformato la sua gamba destra fino a non consentirgli di camminare. Costringendolo, di fatto, a stare a letto dove viene assistito continuamente prima dai suoi familiari, adesso dal team di esperti dell'MD Anderson Cancer Center di Houston, in Texas, dove si trova da circa 15 giorni.

Per chi non lo sapesse, Luca Cardillo – 23 anni, di Giarre – è partito con un volo privato, decollato dall'Aeroporto di Catania, per raggiungere uno degli ospedali più importanti al mondo, a Houston, così da non lasciare nulla di intentato. Vuole mettercela tutta per scampare alla morte, per trovare una cura al suo brutto male. Purtroppo, diversamente da quanto auspicato dal giovane paziente prima di partire, la gamba destra non potrà essere salvata a causa dell'avanzare del tumore e di una situazione che sarebbe peggiorata. Per queste ragioni i medici americani hanno deciso di amputargli la gamba ma i tempi si stanno allungando a causa delle complicanze sopra esposte.

 

Un intervento, quello che lo porterà a non avere più la gamba destra, che Luca Cardillo ha accettato con grande forza e che lo ha spinto, già nei giorni successivi alla notizia, a cercare una protesi adatta alle sue esigenze. Dopo l'operazione comincerà la chemio. Tutti interventi, visite e terapie che hanno costi molto elevati: per questo motivo la famiglia continua a chiedere un sostegno economico affinché Luca possa giocarsi anche quest'ultima carta. Quella di continuare a sorridere, nonostante tutto.

Per donazioni. IBAN: IT59V0200884170000104459184 – intestato a Luca Cardillo