1 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Lite per la compravendita di un’auto sfocia in sparatoria: morto ad Agrigento il 40enne Roberto Di Falco

Un uomo di 40 anni è deceduto in ospedale dopo essere stato ferito da un colpo di arma da fuoco all’addome durante una lite sfociata in sparatoria ad Agrigento. Roberto Di Falco sarebbe morto al pronto soccorso. Si indaga sulle dinamiche e sui responsabili dell’aggressione.
A cura di Gabriella Mazzeo
1 CONDIVISIONI
Immagine

Un uomo di 40 anni è morto al pronto soccorso dell'ospedale San Giovanni Di Dio di Agrigento dopo essere stato ferito con un colpo di arma da fuoco all'addome durante una lite sfociata in sparatoria ad Agrigento. La vittima è Roberto Di Falco, deceduto al pronto soccorso. La sparatoria è avvenuta nel quartiere di Villaggio Mosè, poco lontano da una concessionaria di auto.

Secondo quanto finora ricostruito, tra il 40enne deceduto e alcune persone vi sarebbe stata prima una colluttazione e poi una sparatoria. Per accertare quanto accaduto, sul posto stanno lavorando i poliziotti della squadra mobile e della scientifica con il coordinamento del procuratore Giovanni Di Leo.

Stando a quanto finora ricostruito, la sparatoria sarebbe avvenuta nel piazzale di una concessionaria di auto, a pochi metri dalla chiesa di Santa Rosa. Di Falco si sarebbe presentato nell'attività commerciale insieme ad altre persone e qui sarebbe iniziata una rissa legata alla compravendita di un auto. Durante la rissa è poi stata tirata fuori la pistola dalla quale è partito il colpo che ha ucciso Roberto Di Falco, di Palma di Montechiaro. Al momento, la Questura sta procedendo con l'ascolto di più persone.

La dinamica dei fatti, seppur non chiara, sembrerebbe essere legata a una rissa e non a una spedizione punitiva, come inizialmente ipotizzato. Il 40enne rimasto vittima della sparatoria sarebbe quindi stato ferito durante la colluttazione e non in seguito a un regolamento di conti, come era stato inizialmente riportato dalle testate giornalistiche locali.

Secondo le informazioni finora diffuse, Di Falco si era recato nella concessionaria per acquistare un auto e la rissa sarebbe iniziata per motivi legati alla compravendita che però non sono ancora chiari. Sarà il racconto dei testimoni a fornire ulteriori informazioni alle autorità che stanno indagando

1 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views