319 CONDIVISIONI
12 Settembre 2012
16:22

La scuola 2.0 del ministro Profumo: via la carta, in classe pc e tablet

Il ministro dell’Istruzione, presentando l’anno scolastico 2012-2013, ha parlato del futuro della scuola italiana e dell’intenzione di renderla sempre più digitale. Con l’abbandono della carta ci sarà un risparmio di 30 milioni, a ogni insegnante del Sud sarà fornito un tablet.
A cura di Susanna Picone
319 CONDIVISIONI
Il ministro dell’Istruzione, presentando l’anno scolastico 2012-2013, ha parlato del futuro della scuola italiana e dell’intenzione di renderla sempre più digitale. Con l’abbandono della carta ci sarà un risparmio di 30 milioni, a ogni insegnante del Sud sarà fornito un tablet.

La “rivoluzione” del ministro dell’Istruzione Francesco Profumo non sarà solo relativa ai nuovi concorsi per formare la futura classe di insegnanti: ci sono infatti importanti novità, al via del nuovo anno scolastico 2012-2013, che riguardano la digitalizzazione della scuola. Il nuovo anno inizia per esempio con l’abbandono, a fronte di un risparmio di svariati milioni, della carta. L’obiettivo di Profumo è quello di liberare le scuole, classi e segreterie, dell’inutile materiale cartaceo e allo stesso tempo limitare dunque tutte quelle spese relative a questo genere di acquisti. Le iscrizioni saranno solo online, i registri esclusivamente elettronici, si abbatteranno le spese telefoniche grazie alle nuove tecnologie: di queste iniziative e di altre ancora ha parlato il ministro alla presentazione del nuovo anno scolastico. Profumo ha spiegato che in questo modo “non solo ci sarà un risparmio di 30 milioni di euro ma anche un risparmio del sistema: le persone non dovranno più muoversi e le città saranno meno inquinate”. I servizi saranno forniti direttamente ai cittadini per “un cambiamento culturale fondamentale”.

In ogni classe un pc, al sud un tablet per docente – Francesco Profumo promette anche l’arrivo di un computer in ogni classe delle scuole medie e superiori del Paese (nello specifico saranno 34.558 le classi delle medie in cui si accenderà un computer e 62.200 quelle delle superiori) oltre a un tablet per ogni insegnante in quattro regioni del Sud Italia. Dispositivi necessari, secondo il ministro, per rinnovare la didattica e i processi di apprendimento: nel 64% delle scuole della Puglia, Campania, Sicilia e Calabria sarà assegnato un tablet a ogni insegnante. Il finanziamento per renderlo possibile è di 31.8 milioni e attinge ai fondi europei del programma Formez. Altre risorse per 24 milioni di euro renderanno concreta l’idea del computer per classe. Il rinnovamento, secondo Profumo, deve dunque partire dalle aule, con la scuola italiana che saprà adeguarsi, come quelle europee, alla dematerializzazione e alla digitalizzazione.

319 CONDIVISIONI
Scuola, il ministro Valditara emanerà una circolare per impedire l'uso dei cellulari in classe
Scuola, il ministro Valditara emanerà una circolare per impedire l'uso dei cellulari in classe
Il ministro Valditara dice che nelle ore di lezione i cellulari non potranno essere tenuti in classe
Il ministro Valditara dice che nelle ore di lezione i cellulari non potranno essere tenuti in classe
Scuola, il ministro Valditara spiega cosa vuole fare il governo Meloni per valorizzare il merito
Scuola, il ministro Valditara spiega cosa vuole fare il governo Meloni per valorizzare il merito
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni