1.423 CONDIVISIONI
20 Giugno 2021
09:28

Il coraggio di Andrea dopo la doppia amputazione, la mamma: “Ha imparato a camminare tre volte”

Andrea ha 9 anni, è nato con una malformazione congenita detta Emimelia fibulare bilaterale. Ha imparato a camminare tre volte a seguito delle amputazioni delle gambe. Mamma Maria condivide il grande esempio di Andrea nell’affrontare la vita al meglio, anche quando è difficile. “Senza le gambe? Nessun limite”
A cura di Francesco Bunetto
1.423 CONDIVISIONI

Andrea è un bambino di 9 anni, siciliano di Messina. È nato con una malformazione congenita detta Emimelia fibulare bilaterale. Ha subito ben due amputazioni alle gambe e per questo ha imparato a camminare tre volte. Andrea rappresenta la forza, la determinazione e la voglia di vivere nonostante la disabilità

È mamma Maria a raccontare la storia di Andrea e lo fa anche nei social per abbattere ogni pregiudizio verso la disabilità e soprattutto di sensibilizzare che chi ha un sogno può realizzarlo se si vuole senza nessun limite:"Andrea ha imparato a camminare 3 volte nella sua vita – racconta Maria Serafini, mamma di Andrea – a seguito delle amputazioni delle gambe in momenti diversi della sua infanzia. Andrea è un bambino felice, sorridente e simpatico – nonostante la sua disabilità non si è mai perso d'animo e mai arreso. Il bambino ha tanta voglia di vivere e di fare e mamma Maria racconta la sua forza e determinazione sui social condividendo il grande esempio di Andrea nell'affrontare la vita al meglio, anche quando è difficile. "Abbiamo saputo di Andrea durante l'ecografia morfologica. Era di 21 settimane e quando i medici ci hanno informato della malformazione ci siamo subito informati e abbiamo capito che le difficoltà ci sarebbero state e pure pesanti però si sarebbero potute superare. Andrea ha imparato a camminare tre volte – racconta Maria –  quindi se lui ha imparato a camminare tre volte penso che chiunque potrà fare qualsiasi cosa. È sempre stato iper sorridente, iper tranquillo, sereno e basta, siamo andati avanti. Le protesi sono fondamentali, infatti da quando lui ha subito la seconda amputazione ha iniziato a correre tranquillamente. Ad Andrea – conclude la madre – auguro di continuare a vivere come ha vissuto finora e di non arrendersi mai".

Il sogno di correre più veloce e diventare un campione

"Mi piace tantissimo lo sport – dice Andrea – e correre mi dà un senso di libertà". Lo sport è un diritto, soprattutto per un bambino che deve crescere e formarsi al suo meglio. Andrea ama lo sport ma non può praticarlo come vorrebbe perché le protesi standard, utilizzate per camminare non sono adatte a fare movimenti più dinamici, come potrebbe essere correre o saltare, perché provocano fastidio e dolore. Le protesi sportive hanno un costo elevatissimo più le spese mediche e la necessità per Andrea di modificarle nel percorso di crescita per adattarle. Per questo, è stata aperta una raccolta fondi per raggiungere il sogno del piccolo grande bambino, quello di acquistare due protesi sportive. Il sogno di correre più veloce come i suoi coetanei e poi, magari, diventare un grande campione.

1.423 CONDIVISIONI
La variante Delta dimostra che non abbiamo imparato nulla dopo un anno e mezzo di pandemia
La variante Delta dimostra che non abbiamo imparato nulla dopo un anno e mezzo di pandemia
Ancona, ritrovata Giselle: la 12 enne era scomparsa dopo aver litigato con la mamma
Ancona, ritrovata Giselle: la 12 enne era scomparsa dopo aver litigato con la mamma
Operata per tumore all'utero, tre anni dopo resta incinta: ieri è nato il bambino
Operata per tumore all'utero, tre anni dopo resta incinta: ieri è nato il bambino
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni