1.780 CONDIVISIONI
20 Giugno 2021
09:28

Il coraggio di Andrea dopo la doppia amputazione, la mamma: “Ha imparato a camminare tre volte”

Andrea ha 9 anni, è nato con una malformazione congenita detta Emimelia fibulare bilaterale. Ha imparato a camminare tre volte a seguito delle amputazioni delle gambe. Mamma Maria condivide il grande esempio di Andrea nell’affrontare la vita al meglio, anche quando è difficile. “Senza le gambe? Nessun limite”
A cura di Francesco Bunetto
1.780 CONDIVISIONI

Andrea è un bambino di 9 anni, siciliano di Messina. È nato con una malformazione congenita detta Emimelia fibulare bilaterale. Ha subito ben due amputazioni alle gambe e per questo ha imparato a camminare tre volte. Andrea rappresenta la forza, la determinazione e la voglia di vivere nonostante la disabilità

È mamma Maria a raccontare la storia di Andrea e lo fa anche nei social per abbattere ogni pregiudizio verso la disabilità e soprattutto di sensibilizzare che chi ha un sogno può realizzarlo se si vuole senza nessun limite:"Andrea ha imparato a camminare 3 volte nella sua vita – racconta Maria Serafini, mamma di Andrea – a seguito delle amputazioni delle gambe in momenti diversi della sua infanzia. Andrea è un bambino felice, sorridente e simpatico – nonostante la sua disabilità non si è mai perso d'animo e mai arreso. Il bambino ha tanta voglia di vivere e di fare e mamma Maria racconta la sua forza e determinazione sui social condividendo il grande esempio di Andrea nell'affrontare la vita al meglio, anche quando è difficile. "Abbiamo saputo di Andrea durante l'ecografia morfologica. Era di 21 settimane e quando i medici ci hanno informato della malformazione ci siamo subito informati e abbiamo capito che le difficoltà ci sarebbero state e pure pesanti però si sarebbero potute superare. Andrea ha imparato a camminare tre volte – racconta Maria –  quindi se lui ha imparato a camminare tre volte penso che chiunque potrà fare qualsiasi cosa. È sempre stato iper sorridente, iper tranquillo, sereno e basta, siamo andati avanti. Le protesi sono fondamentali, infatti da quando lui ha subito la seconda amputazione ha iniziato a correre tranquillamente. Ad Andrea – conclude la madre – auguro di continuare a vivere come ha vissuto finora e di non arrendersi mai".

Il sogno di correre più veloce e diventare un campione

"Mi piace tantissimo lo sport – dice Andrea – e correre mi dà un senso di libertà". Lo sport è un diritto, soprattutto per un bambino che deve crescere e formarsi al suo meglio. Andrea ama lo sport ma non può praticarlo come vorrebbe perché le protesi standard, utilizzate per camminare non sono adatte a fare movimenti più dinamici, come potrebbe essere correre o saltare, perché provocano fastidio e dolore. Le protesi sportive hanno un costo elevatissimo più le spese mediche e la necessità per Andrea di modificarle nel percorso di crescita per adattarle. Per questo, è stata aperta una raccolta fondi per raggiungere il sogno del piccolo grande bambino, quello di acquistare due protesi sportive. Il sogno di correre più veloce come i suoi coetanei e poi, magari, diventare un grande campione.

1.780 CONDIVISIONI
Morsa due volte dal ragno violino, Cristina muore improvvisamente dopo due mesi di cure
Morsa due volte dal ragno violino, Cristina muore improvvisamente dopo due mesi di cure
Incidente mortale dopo la festa a Villorba, Carlotta muore a 18 anni: feriti i tre amici in auto
Incidente mortale dopo la festa a Villorba, Carlotta muore a 18 anni: feriti i tre amici in auto
"Ciao mamma", la sedicenne Marta si risveglia dal coma un mese e mezzo dopo il grave incidente
"Ciao mamma", la sedicenne Marta si risveglia dal coma un mese e mezzo dopo il grave incidente
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni