video suggerito
video suggerito

Furgone piomba su ciclisti, Raffaele muore sul colpo, rabbia degli amici: “Non siamo insetti da schiacciare”

Raffaele Mazza è stato travolto e ucciso oggi da un furgone che è piombato su un gruppetto di ciclisti che stava percorrendo il tratto stradale tra Gela e Scoglitti, falciandoli. Rabbia degli amici: “Noi ciclisti non siamo insetti come pensano i pirati della strada”.
A cura di Antonio Palma
1.051 CONDIVISIONI
Immagine

Dolore e rabbia tra parenti e amici di Raffaele Mazza, cicloamatore di Mazzarrone, nel Catanese, travolto e ucciso oggi da un furgone che è piombato su un gruppetto di ciclisti che stava percorrendo il tratto stradale tra Gela e Scoglitti, falciandoli. Dopo lo schianto a terra senza vita è rimasto il 78enne ex bancario originario di Caltagirone, morto sul colpo ancora prima che arrivassero i soccorsi. Nell'incidente stradale mortale è rimasto ferito gravemente un altro cicloamatore del gruppo, un settantenne poi soccorso e trasportato in ospedale dove è stato ricoverato.

La tragedia si è consumata intorno a mezzogiorno di oggi, martedì 4 giugno, nel territorio del comune di Gela. Mazza, assieme a un gruppo di appassionati e di ciclisti amatoriali, tutti di Mazzarrone, stava percorrendo la strada litoranea quando il mezzo li ha travolti. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, il furgone proveniva dalla direzione opposta quando, per motivi da accertare, li ha travolti. Dopo l'allarme ai servizi di emergenza del 118, sul posto son accorse diverse ambulanze Vista la gravità delle ferite, allertato anche l'elisoccorso ma purtroppo per il 78enne non c'è stato nulla da fare.

La notizia della tragedia ha sconvolto la comunità di Mazzarrone dove Raffaele Mazza era molto conosciuto. “Era una persona buona e un caro amico, lo conosco da sempre. È un giorno di grande dolore per Mazzarrone, per i tanti che lo conoscevano e gli volevano bene” ha confermato il sindaco che si è anche recato sul luogo dell'incidente. In segno di lutto, anche il consiglio pastorale interparrocchiale di Mazzarrone ha deciso di rimandare la festa del Sacro Cuore a data da destinarsi.

Tra gli amici della vittima c'è però anche rabbia. "L’ennesimo amico ucciso. Piango lacrime amare caro Raffaele Mazza, eri un uomo splendido e la nostra passione per la bici ti ha condotto all’incontro fatale. Lasci famiglia e amici perché noi ciclisti non siamo insetti come pensano i pirati della strada. Sto male, sto veramente male e il mio cuore è distrutto", ha scritto un amico.

1.051 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views