420 CONDIVISIONI
3 Ottobre 2019
08:39

Eleonora Perraro uccisa a botte e morsi: la notte del delitto è stato picchiato anche il suo cane

Il cane di Eleonora Perraro, la 43enne uccisa il 5 settembre scorso al Sesto Grado di Nago, entrerà a far parte delle indagini sull’omicidio: i legali della famiglia hanno depositato in procura tutti gli atti finalizzati a provare che l’animale è stato picchiato, la stessa notte in cui è stata aggredita la padrona. In carcere sospettato dell’omicidio c’è il marito della vittima, Marco Manfrini.
A cura di Susanna Picone
420 CONDIVISIONI
L’ultima foto pubblicata dalla vittima su Facebook
L’ultima foto pubblicata dalla vittima su Facebook

Il cane di Eleonora Perraro picchiato con violenza, colpito alla testa, al corpo e agli arti. Picchiato, secondo la famiglia della quarantatreenne uccisa a botte e morsi la notte del 5 settembre scorso in Trentino, al Sesto Grado di Nago, nelle stesse ore in cui la sua padrona veniva ammazzata. A riportare la questione del cane di Eleonora è il quotidiano L’Adige.it, che scrive che i legali della famiglia, gli avvocati Andrea Tomasi e Claudio Losi, hanno depositato in procura tutti gli atti finalizzati a provare che l’animale è stato picchiato la stessa notte in cui è stata aggredita la sua padrona. I familiari di Eleonora non hanno dubbi sulla tempistica: se il cane fosse stato ferito, difficilmente quella sera la donna e il marito cinquantenne Marco Manfrini (indagato per omicidio volontario aggravato) se lo sarebbero portato dietro. Non ci sono dubbi neppure riguardo alle lesioni: è stata fatta fare una consulenza veterinaria sulle condizioni di Achille e il veterinario ha convenuto che è stato colpito numerose volte con violenza. Se fosse stato un cucciolo o un cane anziano sarebbe morto. Gli stessi legali di parte civile hanno depositato un documento che attesta la proprietà dell’animale. Achille era stato recuperato dai familiari della vittima all'indomani del delitto: era rimasto tutta la notte accanto a Eleonora.

Il marito di Eleonora in carcere dice di non ricordare nulla – La violenza anche contro il cane sarebbe un elemento ulteriore da valutare e quale sarà il significato che gli inquirenti daranno a questo dettaglio lo deciderà il magistrato titolare dell’indagine. Per la procura è stato il marito di Eleonora, Marco Manfrini, a commettere il femminicidio. L’uomo, che si trova in carcere, dice di non ricordare quanto avvenuto quella notte. Subito dopo l’arresto si era limitato a dire di essersi svegliato al mattino con a fianco la moglie morte. Eleonora Perraro aveva chiari segni di percosse al volto ed ecchimosi sul corpo, lui aveva i pantaloncini sporchi di sangue. Pochi giorni prima Manfrini aveva ricevuto un ammonimento per violenze.

420 CONDIVISIONI
Ucciso a colpi di fucile Galak, il
Ucciso a colpi di fucile Galak, il "cane amico" dei pellegrini di San Giovanni Rotondo
Valentina Giunta, il figlio e l’amore per il padre detenuto: chi era la donna uccisa a Catania
Valentina Giunta, il figlio e l’amore per il padre detenuto: chi era la donna uccisa a Catania
Un uomo di 38 anni è stato ucciso a coltellate per strada nel Siracusano
Un uomo di 38 anni è stato ucciso a coltellate per strada nel Siracusano
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni