350 CONDIVISIONI
Daniele De Santis ed Eleonora Manta uccisi a Lecce
22 Settembre 2020
20:14

Duplice omicidio di Lecce: Eleonora Manta ha gridato il nome dell’assassino prima di morire

La tesi dell’omicidio passionale dell’arbitro di calcio Daniele De Santis e della sua fidanzata Eleonora Manta trova ulteriori conferme nel racconto di un testimone interrogato nella notte dai carabinieri: la donna avrebbe gridato un nome prima di morire. Potrebbe trattarsi di quello dell’assassino.
A cura di Davide Falcioni
350 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Daniele De Santis ed Eleonora Manta uccisi a Lecce

Eleonora Manta, la ragazza di 30 anni uccisa ieri sera a coltellate a Lecce insieme al suo fidanzato Daniele De Santis, molto probabilmente conosceva il killer: secondo uno dei testimoni interrogati dai carabinieri della città pugliese infatti la donna avrebbe gridato il nome dell'assassino prima di essere colpita a morte. L'uomo sarebbe poi fuggito correndo a piedi con l'arma del delitto in mano, indosso un vestito nero e uno zaino giallo. La testimonianza conferma la prima tesi degli inquirenti, quella di un delitto passionale mosso, forse, dalla gelosia.

Gli investigatori dovranno ora accertare se quel nome fosse stato urlato come una disperata richiesta di aiuto o se si trattasse del presunto killer. Una risposta a questa domanda potrebbe arrivare anche dai filmati girati dalle telecamere di videosorveglianza della zona: sembrerebbero tuttavia non esserci molti dubbi sul fatto che la vittima conoscesse il suo carnefice, al quale avrebbe aperto la porta mentre stava cenando insieme al suo compagno – l'arbitro di calcio Daniele De Santis – in un appartamento in via Montello.

Pochi dubbi sulla dinamica del duplice delitto: Eleonora Manta, laureata in giurisprudenza e da poco tempo assunta all’Inps, sarebbe stata uccisa per prima sul pianerottolo di casa con numerosi fendenti. Poco dopo la stessa sorte è toccata a Daniele De Santis, accoltellato a morte lungo le scale probabilmente mentre tentava di scappare. Dopo aver compiuto la mattanza il killer sarebbe fuggito imboccando via Martiri d’Otranto e facendo perdere le proprie tracce con il volto coperto e indossando anonimi vestiti neri, elementi che farebbero propendere gli inquirenti per la pista dell'omicidio premeditato. Altre risposte sul giallo arriveranno nei prossimi giorni dalle autopsie sui corpi delle vittime e ai report dei carabinieri del Ris, tornati questa mattina sul luogo del duplice omicidio per nuovi sopralluoghi.

350 CONDIVISIONI
Eleonora e Daniele uccisi a Lecce, l'ex coinquilino di De Marco: "Dopo l'omicidio si chiuse in camera"
Eleonora e Daniele uccisi a Lecce, l'ex coinquilino di De Marco: "Dopo l'omicidio si chiuse in camera"
Eleonora e Daniele uccisi a Lecce, 79 coltellate inferte ai due fidanzati: "Mai vista tanta ferocia"
Eleonora e Daniele uccisi a Lecce, 79 coltellate inferte ai due fidanzati: "Mai vista tanta ferocia"
Eleonora e Daniele uccisi a Lecce, il padre del giovane arbitro: "De Marco? Non lo perdonerò mai"
Eleonora e Daniele uccisi a Lecce, il padre del giovane arbitro: "De Marco? Non lo perdonerò mai"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni