L’incidente lungo l’A19
in foto: L’incidente lungo l’A19

È di un morto e sei persone ferite il drammatico bilancio dell'incidente avvenuto nella serata di ieri lungo l'Autostrada A19 Catania-Palermo, tra gli svincoli di Altavilla Milicia e Casteldaccia, in direzione del capoluogo siciliano.

Il furgone con gli operai a bordo viaggiava in direzione Palermo

La vittima è l'operaio 65enne Pietro D'Arrigo deceduto subito dopo l'arrivo in ospedale. Con lui altri sei operai rimasti a loro volta feriti dopo che il furgone sul quale stavano viaggiando si è scontrato contro un tir: ad avere la peggio è stato il mezzo più piccolo che si è praticamente accartocciato. Ad allertare i soccorsi è stato l'autista dell'autoarticolato subito dopo lo schianto: sul posto sono giunti immediatamente i soccorritori del 118 con sei ambulanze, oltre ai vigili del fuoco con tre squadre provenienti da Palermo, Brancaccio e Termini Imerese. Poco dopo sono giunti anche i carabinieri e la polizia stradale di Buofornello che hanno immediatamente avviato i rilievi necessari a ricostruire la dinamica dell'incidente.

A lanciare l'allarme l'autista del mezzo pesante

Stando a quanto si apprende sembra che il furgone che viaggiava insieme a sei operai di ritorno da lavoro sia finito contro il grosso camion che era fermo nella corsia di emergenza: il violento impatto è avvenuto lungo l'A19 Palermo Catania, tra gli svincoli di Altavilla Milicia e Casteldaccia. D'Arrigo è stato portato all'ospedale Civico dai sanitari del 118 dove è morto mentre i sei operai rimasti feriti sono stati trasportati negli ospedali Buccheri La Ferla, Ingrassia e Policlinico. L'autostrada è rimasta chiusa per consentire le operazioni di soccorso.