Paura a San Cesario di Lecce, dove il pranzo di Pasqua si sarebbe potuto trasformare in tragedia per una famiglia di origine cecoslovacca. Un bimbo di 3 anni è stato infatti azzannato al volto dal cane dello zio. Il piccolo, stando a quanto riporta la stampa locale, stava giocando in un’area esterna all’abitazione dove era raccolta la famiglia, composta da circensi, quando l'animale lo ha colpito per cause che sono ancora in via di accertamento. Trasportato all’ospedale Vito Fazzi di Lecce, i sanitari gli hanno suturato una profonda ferita sulla fronte all’altezza del sopracciglio destro rischiando di perdere un occhio. Il piccolo è ancora ricoverato nel reparto di Chirurgia pediatrica, sotto osservazione, ma le sue condizioni non sarebbero gravi. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che hanno avviato tutte le indagini del caso utili a ricostruire la dinamica dell’accaduto.

Ulteriori accertamenti sono tuttora in corso per verificare eventuali responsabilità o mancanze. Il cane, un meticcio regolarmente detenuto con certificato veterinario, è stato posto in isolamento come da profilassi anti rabbica dai veterinari dell’Asl della città pugliese. Si tratta della seconda aggressione del genere avvenuta in poche ore nel Salento. A Tricase ieri sera un bimbo di 8 mesi, Cristian, è morto azzannato dal cane corso di famiglia davanti alla mamma e alla nonna, lasciando sotto choc tutta la comunità locale.