833 CONDIVISIONI
Covid 19
22 Novembre 2021
16:30

Covid party in Alto Adige, la procura di Bolzano apre un’inchiesta sulle feste dei no-vax

La Procura di Bolzano ha aperto un’inchiesta sui Covid-party, le feste private organizzate dai no-vax per contrarre il virus e ottenere il Green Pass senza vaccinarsi.
A cura di Gabriella Mazzeo
833 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Feste private per trasmettersi il Covid-19 e ottenere così il Green Pass. Si chiamano "Corona-Party" e hanno già sconvolto l'Alto Adige ormai sulla soglia della zona gialla. La Procura di Bolzano ha aperto un'inchiesta sui festini no-vax. Nel frattempo nella regione i casi continuano ad aumentare come le ospedalizzazioni: nelle ultime 24 ore sono stati registrati 277 nuovi casi su 1.570 tamponi esaminati. I pazienti ricoverati sono al momento 87, 79 dei quali in area non critica.

I partecipanti dei Covid-Party sono principalmente giovani (anche in età scolare) che non vogliono vaccinarsi contro il Coronavirus. Per aggirare le restrizioni dovute alla mancanza di Green Pass, puntano a contrarre il virus per ottenere poi il certificato di guarigione. Le feste private hanno causato il ricovero di 3 persone, 2 delle quali in terapia intensiva.

Negli scorsi giorni sono arrivati cittadini dall'Austria e dalla Germania per partecipare ai Covid-party. Nei due paesi infatti è stato introdotto rispettivamente un nuovo lockdown per arrestare la crescita dei contagi e il cosiddetto "modello 2G" che garantisce il Green Pass solo a chi è guarito dal Covid o si è vaccinato. A denunciare questo fenomeno Patrick Franzoni, coordinatore dell'unità anti Covid di Bolzano. "Sono no-vax che incontrano persone positive al virus cercando di acquisire l'infezione, in modo poi da ottenere il Green Pass in quanto guariti senza doversi vaccinare".

La circostanza è stata confermata anche dal fotografo freelance Andrea Pizzini, insultato dai No-vax per aver documentato la situazione delle terapie intensive. "Nelle valli ci sono locali in cui si entra liberamente senza esibire green pass. I no vax sono anche lì, non solo nelle case private. Hanno deciso di prendere questa strada perché messi alle strette dalle nuove restrizioni. Stanno insieme qualche ora a bere e festeggiare sapendo che senza distanze si contrae il virus".

833 CONDIVISIONI
31031 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni