Non solo lo stop al Carnevale di Venezia, in Veneto arriva anche la chiusura delle scuole fino al primo marzo. Ad annunciarlo è il presidente della Regione, Luca Zaia, spiegando quali sono le misure messe in campo per affrontare l’emergenza Coronavirus: “L’ordinanza che abbiamo emesso prevede la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado in Veneto fino al 1 marzo compreso”. Zaia non nasconde i suoi timori: “Siamo preoccupati. Noi dobbiamo adottare misure drastiche, poi lo vedrete con l'ordinanza che proponiamo al ministro Speranza”.

L’ordinanza firmata da Zaia riguarda non solo tutte le scuole che rientrano nel territorio veneto, ma anche tutte le manifestazioni, in spazi pubblici e privati, che non si potranno più tenere fino alla data del primo marzo. “Quelle in corso – aggiunge riferendosi alle manifestazioni – vanno a esaurimento”. L’ordinanza è stata firmata da Zaia insieme al ministro della Salute, Roberto Speranza. La decisione del Veneto rispecchia quella della Regione Lombardia che ha stabilito la sospensione delle attività per le scuole dell’infanzia e per le scuole di ogni ordine e grado.

Coronavirus, stop alle manifestazioni in Veneto

L’ordinanza firmata da Zaia prevede lo stop alle attività scolastiche e al Carnevale di Venezia, oltre che a tutte le manifestazioni sportive, come ha spiegato sempre Zaia. Saranno chiusi, inoltre, i musei e le fiere. L’ordinanza sarà operativa da subito, precisa il presidente della Regione Veneto, ed entrerà in vigore dalla mezzanotte di oggi.

Le parole di Ilaria Capua sul Coronavirus

È un’emergenza sanitaria, questa, che non riguarda noi come singoli, ma che ci riguarda come comunità e come sistema Paese. Noi dobbiamo essere parte della soluzione e non parte del problema”: è questo l’appello che la virologa Ilaria Capua rivolge a tutti gli italiani con un intervento pubblicato su Fanpage.it. Capua ricorda come quella che stiamo affrontando andrebbe chiamata “sindrome influenzale da Coronavirus, perché questa infezione provoca nella stragrande maggioranza dei casi sintomi molto lievi e solo in pochi casi provoca effetti gravi”.