3.585 CONDIVISIONI
Covid 19
12 Settembre 2021
13:30

Contagiata da infermiera no vax muore in ospedale, il figlio: “Basta dire che i vaccini non servono”

Una donna di 90 anni è morta in ospedale a Pistoia dopo essere risultata positiva al Covid-19. Era arrivata in ospedale per una frattura, ma lì aveva contratto il virus da una infermiera ancora non vaccinata. Lo sfogo del figlio: “Invece di credere a qualche sconosciuto che tira fuori le teorie più strampalate, provate a credere anche a noi che ci siamo trovati nel mare in tempesta”.
A cura di Susanna Picone
3.585 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Ricoverata per una frattura, mentre si trovava in ospedale è risultata positiva al Covid-19 e purtroppo non ce l’ha fatta. Arriva da Pistoia la storia di una signora di 90 anni, Mirella Galdacci il suo nome, che viveva nel comune di Serravalle Pistoiese ed era una dei cinque pazienti ricoverati all’ospedale San Jacopo di Pistoia risultati positivi al Coronavirus a metà agosto, quando scattarono i controlli dopo che un’infermiera del reparto, non ancora vaccinata, aveva contratto il virus. L’anziana è morta qualche giorno fa e il figlio Fabrizio ha affidato ai social e ai giornali il suo dolore. “Mia mamma – così il figlio al quotidiano Il Tirreno – aveva subito un intervento per la frattura di un femore. Ci avevano avvertito che sarebbe stato un intervento a elevatissimo rischio, lei lo sapeva e aveva accettato. Ma l’intervento era stato superato, la mamma non ha avuto danni, il decorso era normale. Quello che ha aggravato fino all’estremo è stata la polmonite da Covid, come mi hanno detto i medici”.

"La mia vecchina contagiata in ospedale, dove invece doveva essere protetta" – Su Facebook lo sfogo del figlio dell’anziana signora: “La mia vecchina era stata contagiata proprio in ospedale, dove invece doveva essere protetta – ha scritto – La polmonite, anche se vaccinata, arriva; il suo organismo, il suo cuore di novantenne erano troppo sotto pressione”. L’uomo ha raccontato della telefonata del medico del reparto che quando chiama “di domenica non è mai buon segno”, della possibilità di farle visita. Un ultimo incontro che risale a domenica scorsa, quando per 15 minuti madre e figlio hanno potuto vedersi. Lei lo riconosce, trova il fiato per dire ‘ciao’, è ancora lucida. Ma sapeva – dice il figlio – “che il suo domani sul calendario non c’era”. La sera il cuore della donna smette di battere. E ora l’appello del figlio affinché qualcosa cambi: “Invece di credere solo a qualche sconosciuto che tira fuori le teorie più strampalate, provate a credere anche a noi che ci siamo trovati nel mare in tempesta. Non è una malattia come le altre. Questa colpisce, lascia il segno, separa le persone nei loro ultimi giorni di vita”. Basta dire che i vaccini non servono, continua l’uomo: “Il virus non esiste, non fa nulla, non è un’opinione: è falso. Il vaccino non serve ed è pericoloso non è un’opinione: è falso”.

3.585 CONDIVISIONI
27552 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni