La carta d’identità elettronica da oggi funzionerà un po’ come lo Spid. Si potrà utilizzare per accedere ai servizi digitali della pubblica amministrazione. I cittadini italiani che possiedono la carta d’identità elettronica 3.0 (Cie) potranno accedere ai servizi dell’Inps, a quelli sanitari e anagrafici di Regioni e Comuni che permettono l’accesso in questa modalità, A farlo sapere è il Poligrafico e Zecca dello Stato attraverso una nota: la nuova modalità di identificazione ai servizi online attraverso la Cie è stata rilasciata oggi insieme al ministero dell’Interno.

Come funziona la Cie per accedere ai servizi della Pa

Nella nota il Poligrafico spiega che l’utente può identificarsi attraverso la voce ‘Entra con Cie' nei vari portali della pubblica amministrazione. Non servirà un dispositivo di lettura contactless collegato al computer, ma basterà utilizzare l’applicazione CIE ID. Ad oggi il servizio è già disponibile per il sistema operatoivo Android e presto verrà esteso anche ai sistemi iOS. Con l'app, quindi, si potrà accedere – per esempio – ai servizi dell'Inps per inoltrare domande relative ai bonus previsti per l'emergenza Coronavirus. Nella nota si fa anche riferimento all’emergenza sanitaria: “In questo momento di emergenza nazionale legata al Covid-19 e alla necessità per tutti di rimanere a casa per evitare la diffusione del contagio, il ministero dell'Interno e il Poligrafico e Zecca dello Stato vogliono facilitare il rapporto del cittadino con la pubblica amministrazione, semplificandone le pratiche di quotidiano interesse attraverso il meccanismo dell'identità digitale”.

Cos’è la Carta d’identità elettronica

La Cie è l’evoluzione della vecchia carta d’identità cartacea. Ha una dimensione simile a quella di un bancomat e consiste in un supporto di materiale plastico in policarbonato. Contiene i dati personali del cittadino, con tanto di foto e impronte, e ulteriori dati necessari per fruire di alcuni servizi in Italia ed Europa. Nella carta viene riportato anche il codice fiscale, tanto da poter essere utilizzata anche per gli acquisti in farmacia. Normalmente la Cie può essere richiesta al proprio Comune di residenza o di dimora e la sua durata è di dieci anni per i maggiorenni e di cinque anni per i più giovani, tra i 3 e i 18 anni.